giovedì 21 febbraio 2013

Cima Lancia (periplo e vetta) EE


DATA: 13 agosto 2012

PARTENZA: Da Carisolo (sulla SS.239 della Val Rendena, Trentino Alto Adige) iniziamo a salire per la Val di Genova, ma, appena lasciato l’abitato, voltiamo a destra per la “Via San Martino” con indicazioni per Campolo. Ora teniamo la ripida stradina per 4,1 km fino al suo termine (gli ultimi 400 m sono di carrozzabile) dove il proseguimento è vietato.


Visualizza Cima Lancia in una mappa di dimensioni maggiori

 Traccia reale del GPS sullo stralcio della carta IGM Istituto Geografico Militare
 
ITINERARIO: Partenza q.1350 (La carrozzabile termina, ora s’inizia a camminare per forestale CAI 229)    –     Bivio q.1430 (Bivio della forestale e cartelli: a destra si arriva a Cavria, noi dritto per Malga Geridolo)     –     Malga Geridolo q.1714 (Sempre aperta a uso bivacco e fine della forestale. Il CAI 229 prosegue in salita per sentierino dietro la fonte abbeveratoio e la malga, pochi segni)         Malga Sarodole q.1932 (Stalla e due edifici ristrutturati ad uso bivacco, il CAI 229 prosegue in salita dietro la stalla)         Baita Massimo Nella q.2077 (Sempre aperta e in buone condizioni. Bivio: dritto in salita il CAI 229 sale al Passo Della Nona, noi andiamo a destra per sentierino a mezzacosta, direzione sud/est, segni rossi e indicazioni sulla grande roccia appena sopra la baita, per Cima Lancia)          Dorsale q.2120 (Il sentierino a mezzacosta arriva a una dorsale erbosa, ora la risaliamo molto ripidamente a sinistra, nord, sempre aiutati da qualche segno rosso. Sotto di noi c’è un aereo panorama sull’abitato di Carisolo, sopra possiamo già scorgere la croce di vetta)          Cima Lancia q.2318 (La grande croce con il libro delle firme è posta nella piccola sella appena sotto la vetta, torniamo sui nostri passi)         Dorsale q.2120     –     Baita Massimo Nella q.2077 (Riprendiamo il CAI 229 per salire al Passo Della Nona, segni molto sbiaditi a tratti assenti, il sentiero è in pratica inesistente. Risaliamo ripidamente e a vista con direzione nord verso la grande sella quotata 2222 ben visibile sopra la baita, poi viriamo a sinistra, nord/ovest, passando sotto una parete rocciosa dove possiamo scorgere la stretta sella del Passo della Nona)         Passo Della Nona q.2310 (Il CAI 229 scende dalla parte opposta su terreno ghiaioso, poi incomincia ad aggirare a sinistra mantenendosi a mezzacosta sapendo che dobbiamo arrivare alla sella sotto l’evidente cima del Corno di Pedertic, già ben visibile davanti a noi quando siamo sul Passo Della Nona)         Sella q.2283 (Siamo sul crinale sotto il Corno di Pedertic, scendiamo dalla parte opposta con sentiero tra roccette, pochi segni CAI e qualche ometto, manteniamoci sempre sulla destra  accanto la parete di roccia, direzione nord. In lontananza sotto di noi c’è il Torrente Sarca d’Amola e Malga Vallina d’Amola che però non dobbiamo raggiungere)       Stradina q.2070 (Alla fine della discesa tra le roccette si arriva a una piccola radura, con un grande omino, i segni CAI sono assenti, passiamo una bassa vegetazione davanti a noi e quasi senza che ce ne rendiamo conto inizia una stradina in totale stato di abbandono ormai ridotta a sentiero che percorriamo)        Carrozzabile q.2014 (Innesto sulla carrozzabile, a sinistra conduce e termina alla Malga Vallina d’Amola, noi la prendiamo a destra in leggera discesa)           Ponte q.1952 (Passato il ponte, a sinistra inizia il CAI 211 per il rifugio Segantini, teniamo la carrozzabile)          Asfaltata q.1911 (Innesto sulla strada asfaltata, a sinistra porta ai Laghi di Cornisello, noi a destra in discesa. La strada scende a zig-zag, consideriamo che dobbiamo percorrere esattamente sette tornanti. Per accorciare il percorso, prima del terzo tornante abbiamo iniziato a tagliare per quello che dovrebbe essere un sentierino del CAI, allo stato attuale in completo stato di abbandono)         Deviazione q.1612 (Dopo pochi minuti avere oltrepassato il settimo tornante, lasciamo la strada asfaltata, un cartello indica alla nostra destra il CAI 211 per la Malga Grasselli e il rifugio Nambrone, segni CAI sbiaditi a tratti assenti)         Malga Grasselli q.1519 (Malga abbandonata, ci arriviamo con fatica dopo avere oltrepassato il Torrente Sarca d’Amola con un grande e diroccato ponte. Sotto la malga, il CAI 211 ora è evidente e la sporadica segnatura del CAI è accompagnata da segni azzurri)        Bivio q.1356 (Alla fine della discesa nel bosco ci innestiamo in un largo sentiero, andiamo a destra e subito siamo in vista di Malga d’Amola)        Malga d’Amola q.1351 (Edifici ristrutturati, tralasciamo il largo sentiero a sinistra dove dei cartelli indicano il rifugio Nambrone e andiamo dritto allontanandoci dal Torrente Sarca)    –     Malga Selva q.1337 (Edifici ristrutturati, deviazione: lasciamo la larga mulattiera che prosegue in discesa, dobbiamo prendere un vecchio sentiero che collegava Malga Selva a Campolo che è di difficile individuazione. Attraversiamo a destra il prato dietro la stalla che precede di pochi metri la casa, direzione sud, salendo leggermente fino a entrare nel bosco e lo percorriamo senza traccia in piano e subito attraversiamo un fosso d’acqua, proseguiamo senza traccia evitando di salire e improvvisamente troviamo il sentierino con sbiaditi e sporadici segni rossi che ora si percorre senza problemi)        Forestale q.1378 (Il sentierino si innesta in una forestale che inizia in questo punto)          Casotto q.1373 (Piccolo casotto di legno chiuso)         Asfaltata q.1273 (Innesto sulla strada percorsa alla mattina in auto che sale da Carisolo, la prendiamo a destra in salita continuando, dopo l’ultima casa, con la carrozzabile fino al parcheggio)          Arrivo q.1350.

  DISLIVELLO TOTALE:1500 m
QUOTA MASSIMA: Cima Lancia q.2318
LUNGHEZZA: 17 km 
DIFFICOLTA: EE
 
 

NOTE:







Sentieri



- La salita dalla Baita Massimo Nella a Cima Lancia non è un sentiero CAI, ma è segnato con tracce rosse ed è sempre evidente.

- Poco segnato e poco evidente il CAI 229 che sale dalla Baita Massimo Nella al Passo Della Nona.

- Poco segnato e poco evidente il CAI 229 che scende dalla Sella q.2283 sotto il Corno di Pedertic.

- Molto utili i sentierini che tagliano i sette tornanti accorciando notevolmente il percorso, però sono poco evidenti e molto infrascati.

- Il CAI 211 che dalla Deviazione q.1612 scende fino alla Malga Grasselli è in completo stato di abbandono con segnatura molto sporadica.


- Solo grazie al GPS troviamo l’imbocco del vecchio sentiero che collegava Malga Selva a Campolo, una volta individuato è sempre evidente con vecchi segni rossi e si mantiene con piccoli sali-scendi all’interno del bosco.


Fonti
- Fonte a malga Geridolo.
- Fonte a malga Sarodole.
- Fonte a baita Massimo Nella (poca acqua).
- Fonte a malga Selva.

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
Partenza q.1350
0,00
Bivio q.1430
0,08
Malga Geridolo
0,42
Malga Sarodole
1,05
Baita Massimo Nella
1,22
Dorsale q.2120
1,36
Cima Lancia
2,00
Dorsale q.2120
/
Baita Massimo Nella
2,34
Passo Della Nona
3,10
Sella q.2283
3,25
Stradina q.2070
/
Carrozzabile q.2014
3,57
Ponte q.1952
4,04
Asfaltata q.1911
4,10
Deviazione q.1612
4,47
Malga Grasselli
5,04
Bivio q.1356
5,25
Malga d’Amola
5,28
Malga Selva
5,33
Forestale q.1378
5,52
Casotto q.1373
6,00
Asfaltata q.1911
6,12
Arrivo q.1350
6,22

                                               
 
Partenza q.1350 (La carrozzabile termina, ora s’inizia a camminare per forestale CAI 229) 
Per forestale CAI 229
Bivio q.1430 (Bivio della forestale e cartelli: a destra si arriva a Cavria, noi dritto per Malga Geridolo)  
Malga Geridolo q.1714 
Malga Geridolo q.1714 
Malga Geridolo q.1714 

Malga Geridolo q.1714
Malga Geridolo q.1714
Malga Geridolo q.1714 
Malga Geridolo q.1714 
Malga Geridolo q.1714 
Malga Geridolo q.1714 

Salendo da malga Geridolo a malga Sarodole
Malga Sarodole q.1932
Malga Sarodole q.1932 
Malga Sarodole q.1932 
Lasciamo malga Sarodole 
CAI 229 dopo avere lasciato malga Sarodole 

Baita Massimo Nella q.2077 
Baita Massimo Nella q.2077
Baita Massimo Nella q.2077 
Baita Massimo Nella q.2077 
Baita Massimo Nella q.2077 (andiamo a destra per sentierino a mezzacosta, direzione sud/est, segni rossi e indicazioni sulla grande roccia appena sopra la baita, per Cima Lancia)     
Verso Cima Lancia per sentierino a mezzacosta

Verso Cima Lancia per sentierino a mezzacosta 
Verso Cima Lancia per sentierino a mezzacosta
Verso Cima Lancia per sentierino a mezzacosta 
Dorsale q.2120
(Sotto di noi c’è un aereo panorama sull’abitato di Carisolo)
Dorsale q.2120 (Il sentierino a mezzacosta arriva a una dorsale erbosa, ora la risaliamo molto ripidamente a sinistra, nord,)
Dorsale q.2120 (Il sentierino a mezzacosta arriva a una dorsale erbosa, ora la risaliamo molto ripidamente a sinistra, nord,)

Dorsale q.2120 (Il sentierino a mezzacosta arriva a una dorsale erbosa, ora la risaliamo molto ripidamente a sinistra, nord,)
Cima Lancia q.2318
(La grande croce con il libro delle firme è posta nella piccola sella appena sotto la vetta, torniamo sui nostri passi)  
Cima Lancia q.2318
(La grande croce con il libro delle firme è posta nella piccola sella appena sotto la vetta)  
Cima Lancia q.2318
(La grande croce con il libro delle firme è posta nella piccola sella appena sotto la vetta)  
Cima Lancia q.2318 


Cippo sulla Cima Lancia
Baita Massimo Nella q.2077
(Riprendiamo il CAI 229 per salire al Passo Della Nona)
Baita Massimo Nella q.2077 (Riprendiamo il CAI 229 per salire al Passo Della Nona) 
CAI 229 che dalla baita Massimo Nella sale al Passo della Nona 
CAI 229 che dalla baita Massimo Nella sale al Passo della Nona 


Arrivo al Passo della Nona
Arrivo al Passo della Nona
Passo Della Nona q.2310 
Passo Della Nona q.2310 
     Passo Della Nona q.2310 (Il CAI 229 scende dalla parte opposta su terreno ghiaioso, poi incomincia ad aggirare a sinistra mantenendosi a mezzacosta sapendo che dobbiamo arrivare alla sella sotto l’evidente cima del Corno di Pedertic, già ben visibile davanti a noi quando siamo sul Passo Della Nona)     

Lasciamo il Passo della Nona
Arrivo alla Sella q.2283 sotto il Corno di Pedertic
Camoscio
Sella q.2283 (Siamo sul crinale sotto il Corno di Pedertic, scendiamo dalla parte opposta con sentiero tra roccette) 
Sella q.2283 (Siamo sul crinale sotto il Corno di Pedertic, scendiamo dalla parte opposta con sentiero tra roccette) 
Sella q.2283 (Siamo sul crinale sotto il Corno di Pedertic, scendiamo dalla parte opposta con sentiero tra roccette) 

Il CAI 229 che scende dalla Sella q.2283 
Il CAI 229 che scende dalla Sella q.2283
Stradina q.2070 (Alla fine della discesa tra le roccette si arriva a una piccola radura, con un grande omino, i segni CAI sono assenti, passiamo una bassa vegetazione davanti a noi e quasi senza che ce ne rendiamo conto inizia una stradina in totale stato di abbandono ormai ridotta a sentiero che percorriamo)    
Stradina q.2070 (Inizia una stradina in totale stato di abbandono ormai ridotta a sentiero che percorriamo)   
Il CAI 211in stato di abbandono per la Malga Grasselli 
Il ponte diroccato sul torrente d’Amola che precede l’arrivo a malga Grasselli

Malga Grasselli q.1519 (Malga abbandonata)
Malga Grasselli q.1519 (Malga abbandonata)
Malga d’Amola q.1351 (Edifici ristrutturati) 
Malga Selva q.1337 
Malga Selva q.1337 
Malga Selva q.1337 

Malga Selva q.1337 
Malga Selva q.1337
Malga Selva q.1337 
Malga Selva q.1337 
Il vecchio sentiero che collega Malga Selva a Campolo 
Il vecchio sentiero che collega Malga Selva a Campolo 


Nessun commento:

Posta un commento