martedì 14 maggio 2013

Monti Cucco e Le Gronde (da Costacciaro) EE

DATA: 10 giugno 2012

PARTENZA: Da Gubbio (Umbria) si prende la SS. 298 fino a Scheggia, poi andiamo a destra con la SS.3 via Flaminia fino a Costacciaro (20 km da Gubbio). Dal paese individuiamo e prendiamo a sinistra la stradina con cartelli che indicano “Pian delle Macinare” e “grotta di monte Cucco”, ci fermiamo dopo 400 metri.


Visualizza Monti Cucco e Le Gronde (da Costacciaro) in una mappa di dimensioni maggiori


 Consigliata la carta topografica scala 1:25000 Parco del monte Cucco (Monte Meru editrice -http://www.montemeru.it/ )

ITINERARIO: Partenza q.570 (Sulla curva a gomito dell’asfaltata si parcheggia, dalla parte opposta cartelli e una sbarra indicano l’inizio del CAI 24 che sale a sinistra, evitare il sentiero che va dritto e termina in breve a un casotto in cemento)           Bivio q.580 (Appena oltrepassato un cancello di ferro c’è il bivio, il CAI 24 va a destra per largo sentiero)        Bivio q.849 (Appena oltrepassata una targa in memoria del “Beato Tommaso” posta nella roccia c’è il bivio, il CAI 24 prosegue dritto a destra)             Forno q.969 (Cartello indica che con una deviazione di 5 minuti si può arrivare alla grotta de “Il Forno”)             Il Sasso q.1090 (Imponente “Gendarme” di roccia, il CAI 24 lo aggira)       Carrozzabile q.1085 (Ci rimane appena sotto di noi, proseguiamo per traccia nell’erba inizialmente parallela alla carrozzabile, poi viriamo a sinistra allontanandoci, si entra in una macchia di bosco per poi uscire nella radura di Pantanella, manteniamoci con direzione nord/est-nord, i segni del CAI sono praticamente assenti e il sentiero poco visibile)     –    Ranco del Piano q.1143 (Attraversata a vista la radura di Pantanella ci innestiamo sulla carrozzabile dove è posto un cartellone in legno e dei cartelli, dalla parte opposta proseguiamo ora per sentiero CAI 20 ben segnato che si inoltra nel bosco)     –     Ranco Cerasa q.1169 (Bivio e cartelli: a destra è CAI 33 per Sella Macinare e la Fonte Acqua Passera, noi andiamo dritto in salita con il CAI 20)        Sella Col d’Orlando q.1262 (Innesto sul CAI 8, andiamo a sinistra su crinale alberato)    –     Monte Le Gronde q.1373 (Riconoscibile per la cima erbosa e il panorama a 360°, torniamo sui nostri passi)    –     Sella Col d’Orlando q.1262 (Alla nostra destra il CAI 20 dal quale siamo saliti, proseguiamo con il CAI 8)     –     Colle d’Orlando q.1292 (Siamo all’interno del bosco, passa inosservato)            Colle Muccicchioso q.1188 (Pochi metri prima il CAI 8 proseguiva a sinistra per la fonte Acqua Passera, noi arriviamo al colle dove ci sono i cartelli e scendiamo a sinistra sul largo CAI 33)         Pian delle Macinare q.1157 (Innesto sul carrozzabile, andiamo a destra e iniziamo ad aggirare la radura di Pian delle Macinare dove è situato l’omonimo rifugio raggiungibile con una breve deviazione)    –     Val Rachena q.1146 (La carrozzabile si innesta sulla strada asfaltata, dalla parte opposta inizia il CAI 2 per sentiero in salita nel bosco, cartelli ma segni CAI sporadici o assenti)            Bivio q.1423 (A destra c’è il CAI 15 per la Fonte Ghiacciata, noi a sinistra teniamo il CAI 2 che ora procede in falsopiano e a mezzacosta aggirando il versante ovest di monte Cucco)      –     Bivio q.1431 (Dritto inizia a scendere un sentiero non segnato, il CAI 2 svolta a destra, est, aggirando sempre a mezzacosta ora il versante nord di monte Cucco)            Bivio q.1459 (Cartelli: dritto in discesa prosegue il CAI 2 per la Grotta, noi iniziamo a risalire a destra con il CAI 14 per la vetta, direzione sud)             Monte Cucco q.1566 (Niente che identifichi la vetta, si prosegue dalla parte opposta sempre con direzione sud tenendo il CAI 14 in discesa, poi dopo pochi minuti lo lasciamo e viriamo a destra raggiungendo a vista la grande croce in metallo)          Croce q.1435 (Grande croce in metallo. A sinistra della croce, sud-est, inizia un sentierino, noi invece andiamo a destra, nord-ovest, scendendo senza traccia, ripidamente ma con terreno ben scalinato fino a congiungersi con il sottostante CAI 15)           CAI 15 q.1342 (Innesto sul CAI 15 in prossimità del canalone che da origine alla nascita del torrente Scirca che in questo punto è asciutto, ora andiamo a destra)            Deviazione q.1373 (Pochi metri prima di giungere alla Fonte Ghiacciata, ben visibile e caratterizzata da diversi abbeveratoi, scendiamo a sinistra e senza traccia con direzione sud-ovest, costeggiando rigorosamente il margine del bosco. Così facendo si arriva a un bel tratto di crinale roccioso al termine del quale si continua per radura tenendo sempre la stessa direzione, siamo sulla costa degli Spicchi)         Asfaltata q.889 (Ci innestiamo sulla strada asfaltata che da Costacciaro sale a Pian delle Macinare, siamo sul 1° tornante. Lasciamo immediatamente la strada, che da percorrere fino all’auto sarebbe lunghissima e sotto il tornante tagliamo senza traccia con direzione sud-ovest)    –    Asfaltata q.845 (Arriviamo al 2° tornante della strada caratterizzato da una piazzola delimitata da una staccionata, proseguiamo tagliando ora per crinalino roccioso)          Cima q.808 (Il crinalino roccioso che stiamo percorrendo si allontana dalla strada, il 3° tornante rimane molto sotto di noi. Deviazione: lasciamo il crinalino e iniziamo a scendere a destra, ovest, senza traccia e senza punti di riferimento nella fitta vegetazione aiutati dal GPS)          Asfaltata q.738 (Arriviamo con fatica al 3° tornante, ora proseguiamo in discesa tenendo la strada)           Torretta Enel q.597 (Di fianco a una Torretta dell’Enel, sulla sinistra un cartello indica il CAI 42 per Scirca, si prosegue sulla strada)           Arrivo q.570.


DISLIVELLO TOTALE: 1400 m
QUOTA MASSIMA: Monte Cucco q.1566
LUNGHEZZA: 16,4 km
  DIFFICOLTA: EE

NOTE:



Sentieri



- Completamente fuori sentiero la discesa attraverso la costa degli Spicchi, la facciamo a vista e senza difficoltà.
- Problematico il breve tratto che scende dalla Cima q.808 per riportarci alla strada (3° tornante), è nella fitta vegetazione e non ci sono punti di riferimento, passiamo dove si ritiene meglio. 




Fonti

- Fonte Ghiacciata sul CAI 15 pochi metri prima della Deviazione q.1373 per la discesa della costa degli Spicchi, abbeveratoi con poca acqua.



                                                                          
TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Partenza q.570
0,00
Val Rachena q.1146
2,32
Bivio q.580
0,03
Bivio q.1423
2,54
Bivio q.849
0,33
Bivio q.1431
3,02
Forno q.969
0,45
Bivio q.1459
3,14
Il Sasso q.1090
0,58
Monte Cucco
3,22
Carrozzabile q.1085
1,01
Croce q.1435
3,32
Ranco del Piano
1,13
CAI 15 q.1342
3,40
Ranco Cerasa
1,20
Deviazione q.1373
3,44
Sella Col d’Orlando
1,31
Asfaltata q.889
4,25
Monte Le Gronde
1,45
Asfaltata q.845
4,32
Sella Col d’Orlando
/
Cima q.808
4,37
Colle d’Orlando
/
Asfaltata q.738
4,50
Colle Muccicchioso
2,20
Torretta Enel q.597
5,08
Pian delle Macinare
2,25
Arrivo q.570
5,13



 
Partenza q.570 (Sulla curva a gomito dell’asfaltata si parcheggia, dalla parte opposta cartelli e una sbarra indicano l’inizio del CAI 24 che sale a sinistra) 
Partenza q.570 (Sulla curva a gomito dell’asfaltata si parcheggia, dalla parte opposta cartelli e una sbarra indicano l’inizio del CAI 24 che sale a sinistra)
Tabella
Sul CAI 24
Sul CAI 24
Costacciaro dal CAI 24

Bivio q.849 (Appena oltrepassata una targa in memoria del “Beato Tommaso” posta nella roccia c’è il bivio, il CAI 24 prosegue dritto a destra)
CAI 24
Il Sasso q.1090
(Imponente “Gendarme” di roccia, il CAI 24 lo aggira)
La radura di Pantanella 
Ranco del Piano q.1143 (Attraversata a vista la radura di Pantanella ci innestiamo sulla carrozzabile dove è posto un cartellone in legno e dei cartelli, dalla parte opposta proseguiamo ora per sentiero CAI 20 ben segnato che si inoltra nel bosco) 
CAI 20 

Ranco Cerasa 
Ranco Cerasa
Sella Col d’Orlando
Sella Col d’Orlando
Monte Le Gronde
Monte Le Gronde

Sul CAI 8 tra monte Le Gronde e Colle d’Orlando
La carrozzabile di Pian delle Macinare
Rifugio Pian delle Macinare
Rifugio Pian delle Macinare
 Pian delle Macinare
Monte Cucco visto da Pian delle Macinare 

Val Rachena q.1146 (la carrozzabile s’innesta sull’asfaltata)
Sul CAI 2 in falsopiano dopo avere oltrepassato il Bivio q.1423
Sul CAI 2 in falsopiano dopo avere oltrepassato il Bivio q.1423
Sul CAI 2 in falsopiano dopo avere oltrepassato il Bivio q.1431
Sul CAI 2 in falsopiano dopo avere oltrepassato il Bivio q.1431
Pian delle Macinare vista dal CAI 2 che sale a monte Cucco

Monte Cucco
Monte Cucco
Panorama da Monte Cucco

Da monte Cucco scendiamo verso la Croce q.1435
Da monte Cucco scendiamo verso la Croce q.1435
Croce q.1435
Croce q.1435
Dalla Croce q.1435 scendiamo senza traccia con terreno ben scalinato fino a congiungerci al sottostante CAI 15
Dalla Croce q.1435 scendiamo senza traccia con terreno ben scalinato fino a congiungerci al sottostante CAI 15

Fonte Ghiacciata
Fonte Ghiacciata
Discesa fuori sentiero per la Costa degli Spicchi
Discesa fuori sentiero per la Costa degli Spicchi
Discesa fuori sentiero per la Costa degli Spicchi
Asfaltata q.889 (1° tornante che lasciamo immediatamente tagliando fuori sentiero)

Nessun commento:

Posta un commento