sabato 8 giugno 2013

Corno alle Scale (per i rifugi Segavecchia, Montanaro, Portafranca e Donnamorta) E-EE

DATA: 2 giugno 2013

PARTENZA: Con la statale Porrettana (Bologna-Pistoia) si arriva a Silla e si volta a destra verso gli impianti sciistici del Corno alle Scale, dove poco prima di entrare a Lizzano in Belvedere in prossimità di una curva a gomito a destra, si seguono le indicazioni che portano ai paesi di Pianaccio e Monte Acuto. Noi andiamo al paesino di Pianaccio e da qui con stradina fino al rifugio Segavecchia (2,5 km da Pianaccio e 18 km da Silla) dove parcheggiamo.







ITINERARIO:   Rifugio Segavecchia q.912 (Dopo il rifugio si prosegue per forestale chiusa da sbarra)    –    Ponte q.924 (Cartelli CAI. Senza oltrepassarlo lasciamo la forestale e andiamo a destra per CAI 117/ CAI 119)     –     Bivio q.978 (Cippo e cartelli CAI: a destra c’è il CAI 117 per monte La Nuda, noi a sinistra con il CAI 119 che guada il rio Casellino e sale al Corno alle Scale)          Bivio q.997 (Grande cippo in sasso sul bivio: a sinistra CAI 121A , noi dritto per CAI 119 che in breve guada un fosso d’acqua)    -    Canalone q.1127 (Il CAI 119 attraversa un grande canalone, possibile nevaio a inizio primavera)        Fine bosco q.1632 (A destra panorama sul monte La Nuda, sopra di noi il Corno alle Scale, a sinistra il monte Gennaio. Il CAI 119 prosegue ripidamente in salita, tratto finale attrezzato)         Corno alle Scale q.1945 (Poco sotto di noi rimane la seggiovia. Innesto sul CAI 129: andiamo a destra per crinale alla vicina croce di vetta di Punta Santa Sofia)     –     Punta Santa Sofia  q.1939 (Sormontata da una grande croce, torniamo sui nostri passi)       Corno alle Scale q.1945 (Si prosegue per crinale CAI 129 che inizia a scendere)   -   Punta Giorgina q.1927 (Il CAI 129 bypassa l’anonima cima)      Passo dello Strofinatoio q.1847 (Incrocio: a destra in discesa CAI 329/A verso la pista da sci del Corno alle Scale e il sottostante rifugio incustodito del Sasseto, dritto CAI 00 di crinale, noi a sinistra sul CAI 00 che scende al Passo del Cancellino)       Passo del Cancellino q.1632 (Cartelli e incrocio: a sinistra scende il CAI 121, dritto in salita prosegue il CAI 00 su crinale, noi dritto a destra sul CAI 20 con sentierino a mezzacosta)       Bivio q.1583 (Cartelli: a destra scende il CAI 02, noi dritto sul CAI 20 in falsopiano che in breve entra nel bosco)        Bivio q.1615 (Cartelli: a sinistra in salita c’è il sentiero di raccordo per il CAI 00 e CAI 35 che conduce al passo della Nevaia, noi dritto sul CAI 20)           Bivio q.1592 (Cartelli: dritto in piano c’è il raccordo CAI per Maceglia e il rifugio Pratorsi, noi dritto a sinistra in leggera salita con il CAI 20 che oltrepassa la sorgente del Cacciatore)        Passo dei Malandrini q.1577 (Cartelli e incrocio: a destra in discesa e a sinistra in salita c’è il CAI 00, noi a sinistra in leggera discesa con il CAI 3)         Rifugio del Montanaro q.1567 (Torniamo sui nostri passi)    –    Passo dei Malandrini q.1577 (Prendiamo il CAI 00 a destra in salita)        Passo della Nevaia q.1635 (Incrocio e cartelli: a sinistra scende il raccordo per il sottostante CAI 20 non indicato dal cartello, dritto prosegue il CAI 00, noi a destra prendiamo il CAI 35 in leggera discesa nel bosco)      Bivio q.1600 (Cartelli e innesto sul CAI 5, scendiamo a destra in vista del rifugio Portafranca)    –     Rifugio Portafranca q.1580 (Tralasciamo il CAI 35 che scende e risaliamo dalla parte opposta riportandoci sul CAI 5)     –    Bivio q.1580 (Cartelli: a destra scende il CAI 25 per la fonte dello Spirito, noi teniamo il CAI 5)      Bivio q.1550 (Cartelli: dritto prosegue il CAI 5 per Rombicciaio, noi andiamo a sinistra prendendo il CAI 111)       Forestale q.1487 (Innesto sulla forestale, il CAI 111 la tiene a sinistra in leggera discesa)        Deviazione q.1426 (Lasciamo la forestale e saliamo a destra con il CAI 111 che prosegue su sentiero nel bosco)       Rifugio Donnamorta q.1370 (Rifugio sempre chiuso, lo oltrepassiamo e subito c’è il bivio: a destra inizia la forestale, noi a sinistra teniamo il CAI 111 con il sentiero che costeggia dei muretti di sasso)     Bivio q.1345 (Dritto prosegue il CAI 111 per il paese di Monteacuto, noi scendiamo a sinistra con il CAI 113/A)        Bivio q.1215 (A destra un sentiero CAI non segnato sulle mappe conduce a Monteacuto, noi a sinistra sul CAI 113/A)       Bivio q.1200 (Sbiaditi segni gialli indicano a destra ancora un sentiero per Monteacuto, noi teniamo il CAI 113/A)      Torrente q.987 (Al termine della discesa, il CAI 113/A arriva a un torrente e lo segue per alcuni minuti fino al bivio dove ci innestiamo sul CAI 113, dritto prosegue parallelo al corso d’acqua per il paese di Monteacuto, noi guadiamo aiutati da dei “piedini in cemento” e risaliamo dalla parte opposta)    –     Forestale q.1060 (Innesto sulla forestale in prossimità de L’Acerolo, la teniamo a destra in discesa)       Bivio q.1012 (Sulla curva a gomito a destra della forestale, il CAI 113 va dritto su sentiero tagliando, noi teniamo la forestale)          Bivio q.944 (Alla nostra sinistra c’è il sentiero che aveva tagliato la forestale)      Ponte q.924 (Prima del ponte c’è il CAI 121 che sale al Passo del Cancellino, dopo il ponte ci sono i CAI 117/119 presi in mattinata)        Rifugio Segavecchia q.912.  


DISLIVELLO TOTALE: 1440 m
QUOTA MASSIMA: Punta Giorgina q.1945
LUNGHEZZA: 19,5 km
  DIFFICOLTA: E-EE

 
NOTE  :




Sentieri



- Il CAI 119 che dal rifugio Segavecchia sale al Corno alle Scale è sicuramente uno dei sentieri più faticosi e con maggiore dislivello di tutto l’appennino emiliano (1000 metri in 3,5 km di sviluppo), nella parte finale un piccolo tratto attrezzato è utile solo come corrimano.

- Buona tutta la segnatura del CAI.

- I piccoli rifugio Segavecchia, Portafranca e Montanaro sono aperti nel periodo estivo, sempre chiuso il rifugio Donnamorta.

 - Carta topografica scala 1:25000 Parco regionale del Corno alle Scale (SELCA editore)



Fonti

- Fonte alla partenza al rifugio Segavecchia.
- Sorgente del Cacciatore sul CAI 20 al bivio q.1592 (poca acqua).
- Fonte al rifugio del Montanaro.
- Fontana al rifugio Portafranca (funziona solo quando è aperto il rifugio).

 
                                                                          
TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Rifugio Segavecchia
0,00
Bivio q.1600
4,17
Ponte q.924
0,02
Rifugio Portafranca
4,19
Bivio q.978
0,08
Bivio q.1587
4,21
Bivio q.997
0,12
Bivio q.1580
4,24
Canalone q.1127
0,30
Bivio q.1550
4,38
Fine bosco q.1632
1,25
Forestale q.1487
4,46
Corno alle Scale
2,00
Deviazione q.1426
4,53
Punta Santa Sofia 
2,05
Rifugio Donnamorta
5,07
Corno alle Scale
/
Bivio q.1345
5,13
Passo dello Strofinatoio
2,33
Bivio q.1215
5,28
Passo del Cancellino
2,45
Bivio q.1200
5,30
Bivio q.1583
3,00
Torrente q.987
5,55
Bivio q.1615
3,28
Forestale q.1060
6,10
Bivio q.1592
3,35
Bivio q.1012
6,15
Passo dei Malandrini
3,42
Bivio q.944
/
Rifugio del Montanaro
3,45
Ponte q.924
6,25
Passo dei Malandrini
/
Rifugio Segavecchia
6,27
Passo della Nevaia
4,06







Rifugio Segavecchia 
Rifugio Segavecchia
Fonte al Rifugio Segavecchia 
Rifugio Segavecchia 
Rifugio Segavecchia q.912 (Dopo il rifugio si prosegue per forestale chiusa da sbarra)  
Bivio q.978 (Cippo e cartelli CAI: a destra c’è il CAI 117 per monte La Nuda, noi a sinistra con il CAI 119 che guada il rio Casellino e sale al Corno alle Scale)     

Bivio q.978 (noi a sinistra con il CAI 119 che guada il rio Casellino e sale al Corno alle Scale)     
Bivio q.978 (noi a sinistra con il CAI 119 che guada il rio Casellino e sale al Corno alle Scale)     
Bivio q.997 (Grande cippo in sasso sul bivio)    
Bivio q.997 (Grande cippo in sasso sul bivio) 
Canalone q.1127 
CAI 119

Fine bosco q.1632
Fine bosco q.1632
(sopra di noi c’è la cima del Corno alle Scale)
Fine bosco q.1632 (alla nostra sinistra la sagoma del monte Gennaio)
Fine bosco q.1632 (alla nostra destra la sagoma del monte La Nuda)

La salita finale del CAI 119
La salita finale del CAI 119
La salita finale del CAI 119
La croce di Punta Sofia
La salita finale del CAI 119
La salita finale del CAI 119

Tratto attrezzato
Tratto attrezzato
Tratto attrezzato
In vista della cima
Corno alle Scale q.1945 
Corno alle Scale q.1945
(Poco sotto di noi rimane l’impianto di risalita invernale) 

Zoomata sul lago Scaffaiolo
Zoomata sul Cimone
Panorama sul monte Gennaio e il percorso che dobbiamo fare

Corno alle Scale q.1945 (andiamo a destra per crinale alla vicina croce di vetta di Punta Santa Sofia) 
Punta Santa Sofia
La croce di Punta Santa Sofia
Punta Santa Sofia 
L’alpe di Rocca Corneta sotto di noi
La stazione di risalita dell’alpe di Rocca Corneta sotto di noi

Sul CAI 129 che da Punta Giorgina scende al passo dello Strofinatoio
Sul CAI 129 che da Punta Giorgina scende al passo dello Strofinatoio
Sul CAI 129 che da Punta Giorgina scende al passo dello Strofinatoio 
Al passo dello Strofinatoio 
Al passo dello Strofinatoio
(sotto di noi c’è il rifugio incustodito del Sasseto)
Al passo dello Strofinatoio
(scendiamo con il CAI 00 al passo del Cancellino)

Scendiamo con il CAI 00 al passo del Cancellino
Scendiamo con il CAI 00 al passo del Cancellino
Scendiamo con il CAI 00 al passo del Cancellino 
Arrivo al passo del Cancellino
Al passo del Cancellino 
Al passo del Cancellino 

Sul CAI 20 che inizia dal passo del Cancellino
Sul CAI 20 che inizia dal passo del Cancellino
Sul CAI 20 (panorama verso il Corno alle Scale)
Sul CAI 20 
Sul CAI 20 

Sul CAI 20 
Sul CAI 20
La sorgente del Cacciatore Bivio q.1592 
La sorgente del Cacciatore Bivio q.1592
Passo dei Malandrini q.1577 (Cartelli e incrocio)
Rifugio del Montanaro

Rifugio del Montanaro
Rifugio del Montanaro
Sorgente al Rifugio del Montanaro
Sul CAI 00 verso il passo della Nevaia
Passo della Nevaia 
Il CAI 35 

Rifugio Portafranca
Rifugio Portafranca
Rifugio Portafranca
Rifugio Portafranca
Bivio q.1550 (Cartelli: dritto prosegue il CAI 5 per Rombicciaio, noi andiamo a sinistra prendendo il CAI 111)
Deviazione q.1426 (Lasciamo la forestale e saliamo a destra con il CAI 111 che prosegue su sentiero nel bosco)  

Il rifugio Donnamorta
Il rifugio Donnamorta
Teniamo il CAI 111 con il sentiero che costeggia
dei muretti di sasso 
Il CAI 113/A 
Al termine della discesa, il CAI 113/A arriva a un torrente e lo segue per alcuni minuti. 
Torrente q.987 

Nessun commento:

Posta un commento