giovedì 21 dicembre 2017

Monti Rondinaio e Rondinaio Lombardo (EEAI)

Ascesa invernale ai monti Rondinaio Lombardo e Rondinaio in uno dei comprensori più belli dell'alto appennino modenese (Emilia Romagna)

DATA: 18 novembre 2017

PARTENZA: Da Modena prendiamo la SS.12 per il passo dell’Abetone arrivando a Pievepelago (circa 75 km), attraversiamo il paese e tralasciamo le indicazioni per il passo dell’Abetone seguendo a destra la SP.324 per Sant’Anna Pelago e il passo delle Radici. Dopo 1,5 km lasciamo la SP.324 e svoltiamo a sinistra con cartelli che indicano il lago Santo e il paesino di Tagliole, proseguiamo per circa 9,5 km fino al termine della strada presso il grande parcheggio di servizio al lago Santo dove c’è Bar- Ristorante “il Cacciatore”.



Percorso tracciato sullo stralcio della mappa interattiva opencyclemap tratta dal sito https://www.opencyclemap.org/

ITINERARIO: Bar- Ristorante “il Cacciatore” q.1450 (Dal Bar- Ristorante “il Cacciatore” poco sopra il parcheggio, iniziamo a percorrere la larga mulattiera/stradello che conduce al lago Santo)   -   Deviazione q.1485 (Lasciamo la larga mulattiera che in pochi minuti arriva al lago Santo e andiamo a sinistra sul sentiero CAI 523, cartello indica il lago Baccio)    -    Bivio q.1498 (Cartelli assenti: a destra un sentierino CAI si raccorda al lago Santo, andiamo dritto sul CAI 523)    -   Bivio q.1510 (Cartelli assenti: a sinistra inizia il CAI 519, noi andiamo dritto sul CAI 523 generalmente molto battuto nel periodo invernale)   -  Lago Baccio q.1560 (Il CAI 523 aggira il lago sul lato destro e inizia a risalire la vallata con direzione sud che sarà il nostro ritorno, andiamo a sinistra sul CAI 521 che aggira il lago sul lato sinistro e in breve risale nel bosco, segni sporadici)   -   Radura q.1615 (Il CAI 521 al termine della salita esce dal bosco in una grande radura pianeggiante dove ci appare in lontananza la cima del Rondinaio Lombardo, la attraversiamo con direzione sud/est seguendo i segni del CAI 521 che poi lasciamo iniziando a costeggiare il margine della macchia di bosco che ci rimane sulla nostra sinistra, si procede a vista e la salita diventa molto ripida con pendenza di circa 45°/50°, poi quando il bosco termina continuiamo l’ascesa del ripido pendio con direzione est, ramponi d’obbligo)   -  Rondinaio Lombardo q.1825 (Grande croce in metallo sulla cima, ora percorriamo l’aereo crinale sud/ovest in direzione dell’evidente mole del monte Rondinaio potendo notare in fondo al precipizio sulla nostra sinistra la sagoma del minuscolo lago Turchino e del suo rifugio)    -   Bivio q.1800 (In breve ci innestiamo sul CAI 521 che avevamo abbandonato poco dopo la Radura q.1615, proviene dal fondo valle sulla nostra destra e ora prosegue sul crinale in direzione del monte Rondinaio, cartelli assenti e in assenza di tracce sulla neve passa inosservato)   -    Finestra del Rondinaio q.1850 (Stretta forcella al termine del crinale, incrocio e cartelli: a sinistra nel ripido canalone scende il CAI 517/A ai sottostanti laghi Torbido e Turchino, il CAI 521 continua a destra a mezzacosta, noi manteniamo la direzione sud facendo la salita finale fino alla cima del monte Rondinaio di cui possiamo scorgere la croce di vetta)   -  Monte Rondinaio q.1964 (Sulla cima la croce e il libro di vetta, ora scendiamo iniziando a percorrere la cresta nord/ovest che è CAI 00)   -  Il Passetto q.1890 (Stretta sella, incrocio e cartelli: dritto il crinale prosegue salendo verso il monte Giovo, a sinistra scende il CAI 18, noi prendiamo il CAI 523 che scende a destra inizialmente a mezzacosta a ritroso)   -  Lago Baccio q.1560 (Scendendo la vallata a vista o seguendo le numerose tracce sulla neve arriviamo al lago Baccio, lo aggiriamo a sinistra nel rado bosco tornando sul versante opposto dove chiudiamo l’anello, quindi tralasciamo il CAI 521 che avevamo intrapreso per salire al monte Rondinaio Lombardo e ripercorriamo il CAI 523 fino al parcheggio) -   Bivio q.1510   -    Bivio q.1498 -   Deviazione q.1485    -     Bar- Ristorante “il Cacciatore” q.1450 (Parcheggio)
 

DISLIVELLO TOTALE: 600 m.
QUOTA MASSIMA: Monte Rondinaio q.1964
LUNGHEZZA: 7,2 km
DIFFICOLTA: EEAI


NOTE:



Sentieri



- Giornata serena con temperature di – 3°, neve farinosa di 50/80 cm.
- In loco Il Passetto è quotato 1850 m, la mappa IGM lo quota a 1903 m., il GPS a 1890 m
- La salita finale al Rondinaio Lombardo quando abbandoniamo il CAI 521 poco dopo avere oltrepassato la Radura q.1615 è abbastanza ripida e solitaria, obbligatori ramponi e piccozza. Generalmente molto frequentato il resto del giro per il monte Rondinaio e il lago Baccio da ciaspole e sci alpinisti.


Rifugi-Bivacchi
Punti d’appoggio i rifugi situati sul lago Santo generalmente aperti anche nel periodo invernale.

Fonti
- Assenti
 

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
Bar- Ristorante “il Cacciatore”
0,00
Deviazione q.1485
0,04
Bivio q.1498
/
Bivio q.1510
0,12
Lago Baccio
0,24
Radura q.1615
0,55
Rondinaio Lombardo
2,10
Bivio q.1800
/
Finestra del Rondinaio
2,55
Monte Rondinaio
3,20
Il Passetto
3,31
Lago Baccio
4,27
Bivio q.1510
/
Bivio q.1498
/
Deviazione q.1485
/
Bar- Ristorante “il Cacciatore”
4,45




Bar- Ristorante “il Cacciatore” q.1450 (Dal Bar- Ristorante “il Cacciatore” poco sopra il parcheggio, iniziamo a percorrere la larga mulattiera/stradello che conduce al lago Santo)
Iniziamo a percorrere la larga mulattiera/stradello che conduce al lago Santo
Deviazione q.1485 (Lasciamo la larga mulattiera che in pochi minuti arriva al lago Santo e andiamo a sinistra sul sentiero CAI 523, cartello indica il lago Baccio)
Sul sentiero CAI 523
Lago Baccio q.1560

Le pareti del monte Giovo viste dal lago Baccio
Radura q.1615 (Il CAI 521 al termine della salita esce dal bosco in una grande radura pianeggiante dove ci appare in lontananza la cima del Rondinaio Lombardo, la attraversiamo con direzione sud/est)
Radura q.1615 (L’attraversiamo con direzione sud/est)
Radura q.1615 (Attraversata la radura lasciamo il CAI 521 e iniziamo costeggiare il margine della macchia di bosco che ci rimane sulla nostra sinistra)

Si procede a vista e la salita diventa molto ripida con pendenza di circa 45°/50°, poi quando il bosco termina continuiamo l’ascesa del ripido pendio con direzione est, ramponi d’obbligo
Si procede a vista e la salita diventa molto ripida con pendenza di circa 45°/50°, poi quando il bosco termina continuiamo l’ascesa del ripido pendio con direzione est, ramponi d’obbligo
Salita finale al monte Rondinaio Lombardo
Salita finale al monte Rondinaio Lombardo
Arrivo alla vetta del Rondinaio Lombardo







Rondinaio Lombardo q.1825 (Panorama sul percorso che dobbiamo fare)
Rondinaio Lombardo q.1825  
Rondinaio Lombardo q.1825 (In fondo al precipizio sulla nostra sinistra si nota la sagoma del minuscolo lago Turchino e del suo rifugio)
Rondinaio Lombardo q.1825 (Panorama verso il monte Gomito)

Rondinaio Lombardo q.1825 (Panorama verso i monti Cimone, Lagoni e Libro Aperto)
Rondinaio Lombardo q.1825 (Zoomata sulla vetta del Cimone)
Dal monte Rondinaio Lombardo ora percorriamo l’aereo crinale sud/ovest in direzione dell’evidente mole del monte Rondinaio
Dal monte Rondinaio Lombardo ora percorriamo l’aereo crinale sud/ovest in direzione dell’evidente mole del monte Rondinaio

Dal monte Rondinaio Lombardo ora percorriamo l’aereo crinale sud/ovest in direzione dell’evidente mole del monte Rondinaio
Sul crinale CAI 521 che collega il monte Rondinaio Lombardo al monte Rondinaio
Sul crinale CAI 521 che collega il monte Rondinaio Lombardo al monte Rondinaio
Sul crinale CAI 521 che collega il monte Rondinaio Lombardo al monte Rondinaio (Panorama verso il monte Giovo)

Finestra del Rondinaio q.1850 (Stretta forcella al termine del crinale, incrocio e cartelli: a sinistra nel ripido canalone scende il CAI 517/A ai sottostanti laghi Torbido e Turchino, il CAI 521 continua a destra a mezzacosta, noi manteniamo la direzione sud facendo la salita finale fino alla cima del monte Rondinaio di cui possiamo scorgere la croce di vetta)
Sul crinale CAI 521 che collega il monte Rondinaio Lombardo al monte Rondinaio
Finestra del Rondinaio q.1850
Dalla Finestra del Rondinaio risaliamo fino alla cima del monte Rondinaio
Dalla Finestra del Rondinaio risaliamo fino alla cima del monte Rondinaio

Dalla Finestra del Rondinaio risaliamo fino alla cima del monte Rondinaio
Dalla Finestra del Rondinaio risaliamo fino alla cima del monte Rondinaio
Tratto finale che conduce alla cima del monte Rondinaio, dietro di noi la mole del monte Giovo
Tratto finale che conduce alla cima del monte Rondinaio

Monte Rondinaio q.1964 (Panorama in direzione del monte Rondinaio Lombardo)
Monte Rondinaio q.1964 (Panorama in direzione del monte Giovo)
Monte Rondinaio q.1964 (Scendiamo iniziando a percorrere la cresta nord/ovest che è CAI 00)  
Discesa dal monte Rondinaio al Passetto sul CAI 00
Discesa dal monte Rondinaio al Passetto sul CAI 00

Il Passetto q.1890
Da Il Passetto q.1890 prendiamo il CAI 523 che scende a destra inizialmente a mezzacosta a ritroso
Arrivo al lago Baccio




Nessun commento:

Posta un commento