sabato 24 marzo 2018

Da Ridracoli a San Paolo in Alpe (per il crinale della Maestà) E/EE

Siamo nelle foreste Casentinesi (appennino tosco/romagnolo) e percorriamo un crinale sconosciuto che inizia nelle vicinanze dell'Ecomuseo di Ridracoli e ci fà guadagnare quota fino raggiungere la forestale in prossimità di Ronco dei Preti (solo per escursionisti esperti o conoscitori del posto), quindi raggiungiamo i bellissimi pascoli di San Paolo in Alpe, per il ritorno prendiamo il classico sentiero CAI 233 dove possiamo visitare vecchi ruderi lungo il percorso.

DATA: 27 gennaio 2018

PARTENZA: Con la SS.310 da Forlì arriviamo a Santa Sofia (circa 40 km), poi dal centro del paese proseguiamo per circa altri
3,8 km in direzione di Corniolo. Qui lasciamo la statale e scendiamo a sinistra con la stradina SP.112 arrivando al paesino di Ridracoli dopo altri 8,3 km, lasciamo la macchina nel parcheggio all’entrata dell’Ecomuseo delle Acque di Ridracoli.





Per la carta escursionistica scala 1:25000 - 19-Bagno di Romagna, si ringrazia l’Istituto Geografico Adriatico di Longiano   info@iga-cartografia.it - tel. 0547.613109

ITINERARIO: Ecomuseo q.436 (Dal parcheggio inizia il sentiero CAI 233, cartelli e tabella)       Maestà q.465 (Arrivati alla grande maestà lasciamo il sentiero CAI 233 e risaliamo a destra iniziando a percorrere a vista e senza segni il crinale che comincia da questo punto, manteniamoci sempre sul punto più alto facendo attenzione a qualche tratto sdrucciolevole e leggermente esposto, direzione nord/ovest)   -   Bivio q.771(Una traccia con vecchi bolli rossi attraversa il crinale, proviene da sinistra dal rudere di Valdoppia sul CAI 233 e scende a destra verso il rudere di Cà della Villa che avevamo già potuto notare poco prima attraverso gli alberi, continuiamo a risalire il crinale con direzione ovest mantenendoci sempre sul punto più alto tra rada boscaglia e spazi aperti, segni e indicazioni assenti)      Bivio q.1017 (Possibile omino di sasso sul crinale ci indica il punto: a sinistra una esilissima traccia trasversale nel pietrisco sdrucciolevole conduce verso il CAI 233, probabilmente passa inosservata, a destra una traccia con sbiaditi bolli rossi s’inoltra nel bosco, continuiamo in salita mantenendo il nostro crinale)   -  Forestale q.1037 (Ci innestiamo sulla forestale, la teniamo a sinistra il leggera salita)  -  Bivio q.1080 (Appena oltrepassato un cippo dell’IGM c’è il bivio con cartelli: a destra scende il sentiero CAI 257 per Corniolo, continuiamo sulla forestale passando un casotto con antenna e pannelli solari)   –    Ronco dei Preti q.1108    -   Poggio Squilla q.1112      Bivio q.1085 (A destra scende il sentiero CAI 283 per Fiumari, cartelli, stiamo sulla forestale)     Incrocio q.1024 (San Paolo in Alpe è a poca distanza da noi, a sinistra scende il sentiero CAI 233 per Ridracoli, noi lasciamo la forestale e andiamo a destra oltrepassando la recinzione con il CAI 255 su tratturo in direzione della vicina ma nascosta chiesa di San Agostino)      Chiesa di San Agostino q.1030 (Rimangono solo pochi ruderi nascosti dagli alberi, torniamo sui nostri passi)       Incrocio q.1024 (Tornati alla forestale la teniamo a destra verso i ruderi di San Paolo in Alpe)   –    San Paolo in Alpe q.1028 (Dopo la visita torniamo sui nostri passi)        Incrocio q.1024 (Ora scendiamo a destra con il sentiero CAI 233 per Ridracoli)      Fonte q.922       Casette q.885 (Il rudere rimane a pochi metri sulla sinistra del sentiero)  –    Ca’ Ronconi q.779 (Il rudere è dalla parte opposta alla grande maestà situata sul sentiero)      Valdoppia q.705 (Rudere)    –   Chiusa q.570 (Il sentiero esce dal bosco e termina con l’arrivo alla chiusa che sbarra il Rio Bacine, dalla piazzola scendiamo per stradina asfaltata interdetta alle auto che in breve passa sotto l’acquedotto)   -     Ponte q.558 (Passiamo sotto il grande ponte/acquedotto dove è situata una fontana)  -   Cancello q.488 (Appena prima del grande cancello di ferro che sbarra la stradina asfaltata noi la lasciamo, il CAI 233 continua a sinistra per sentiero, teniamo quello che scende verso il corso d’acqua perché quello originale poco sopra è crollato)      Galvane q.449 (Ruderi infrascati)   

DISLIVELLO TOTALE: 840 m
QUOTA MASSIMA: 1095 m
LUNGHEZZA: 11,7 km
DIFFICOLTA: E/EE


NOTE:


Sentieri



- Il percorso di crinale che inizia dalla Maestà q.465 sul CAI 233 fino ad innestarci sulla Forestale q.1037 è priva di indicazioni, si risale a vista e senza traccia obbligata cercando di stare sempre sul punto più alto, nella parte iniziale alcuni punti sono in leggera esposizione con un passaggio obbligatorio di arrampicata di circa 2 metri di 1°+ un po’ scivoloso.(Solo per escursionisti esperti)


Fonti
- Fonte a q.922 sul CAI 233
- Fonte sulla stradina asfaltata che scende dalla chiusa
- Fonte se oltrepassiamo il Cancello q.488


TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
Ecomuseo
0,00
Maestà q.465
0,06
Bivio q.771
1,07
Bivio q.1017
1,50
Forestale q.1037
1,55
Bivio q.1080
2,03
Ronco dei Preti  
/
Poggio Squilla
/
Bivio q.1085
2,15
Incrocio q.1024
2,26
Chiesa di San Agostino
2,28
Incrocio q.1024
/
San Paolo in Alpe
2,32
Incrocio q.1024
/
Fonte q.922    
2,48
Casette
3,02
Ca’ Ronconi
3,15
Valdoppia
3,26
Chiusa
3,44
Ponte q.558
/
Cancello q.488
3,53
Galvane
4,11
Maestà q.465
4,14
Ecomuseo
4,20




Ecomuseo q.436 (Dal parcheggio inizia il sentiero CAI 233, cartelli e tabella)
Dal parcheggio inizia il sentiero CAI 233, cartelli e tabella
CAI 233
Maestà q.465 (Arrivati alla grande maestà lasciamo il sentiero CAI 233 e risaliamo a destra iniziando a percorrere a vista e senza segni il crinale che comincia da questo punto)
Maestà q.465 (Arrivati alla grande maestà lasciamo il sentiero CAI 233 e risaliamo a destra iniziando a percorrere a vista e senza segni il crinale che comincia da questo punto)

Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà

Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà

Sul crinale della Maestà
Zoomata sul rudere di Cà Val della Villa
Sul crinale della Maestà
Sul crinale della Maestà

Sul crinale della Maestà
Bivio q.1017 (Possibile omino di sasso sul crinale ci indica il punto: a sinistra una esilissima traccia trasversale nel pietrisco sdrucciolevole conduce verso il CAI 233, probabilmente passa inosservata, a destra una traccia con sbiaditi bolli rossi s’inoltra nel bosco, continuiamo in salita mantenendo il nostro crinale)
Il crinale presso il bivio di tracce a q.1017

Forestale q.1037 (Ci innestiamo sulla forestale, la teniamo a sinistra il leggera salita)
Forestale
Cippo dell’IGM precede il Bivio q.1080
Particolare del cippo IGM
Dal Bivio q.1080 continuiamo sulla forestale passando un casotto con antenna e pannelli solari
Forestale

Panorama sui pascoli di San Paolo in Alpe
Incrocio q.1024 (San Paolo in Alpe è a poca distanza da noi, a sinistra scende il sentiero CAI 233 per Ridracoli, noi lasciamo la forestale e andiamo a destra oltrepassando la recinzione con il CAI 255 su tratturo in direzione della vicina ma nascosta chiesa di San Agostino)
I ruderi della chiesa di San Agostino

I ruderi della chiesa di San Agostino
I ruderi della chiesa di San Agostino
San Paolo in Alpe
San Paolo in Alpe

San Paolo in Alpe
San Paolo in Alpe
Tornati all’Incrocio q.1024 ora scendiamo a destra con il sentiero CAI 233 per Ridracoli
CAI 233
CAI 233
Fonte q.922   

CAI 233
Casette q.885 (Il rudere rimane a pochi metri sulla sinistra del sentiero)
Maestà a Cà Ronconi
Maestà a Cà Ronconi
Ca’ Ronconi q.779 (Il rudere è dalla parte opposta alla grande maestà situata sul sentiero)
CAI 233

Il rudere di Valdoppia
Il rudere di Valdoppia
CAI 233
Chiusa q.570 (Il sentiero esce dal bosco e termina con l’arrivo alla chiusa che sbarra il Rio Bacine)
Cartello alla chiusa
Dalla piazzola della chiusa scendiamo per stradina asfaltata interdetta alle auto che in breve passa sotto l’acquedotto

La stradina di accesso alla chiusa
Cancello q.488 (Appena prima del grande cancello di ferro che sbarra la stradina asfaltata noi la lasciamo, il CAI 233 continua a sinistra per sentiero)
CAI 233
Galvane q.449 (Ruderi infrascati)
Tabella informativa

Nessun commento:

Posta un commento