lunedì 2 luglio 2018

Monte Forato (versante ovest) EEA

Partiamo poco dopo avere oltrepassato il paese di Cardoso (Alpi Apuane, Toscana) e risaliamo fino alla Foce di Petrosciana per intraprendere la ferrata del monte Forato, proseguiamo fino alla Foce di Valli e scendiamo alle vecchie case di Collemezzana con ritorno attraverso i ruderi di Colombara.

DATA: 12 maggio 2018

PARTENZA: Con l’autostrada A12 usciamo al casello di Versilia e seguiamo le indicazioni per Forte dei Marmi, poi per Querceta, da qui continuiamo sulla SP.9 oltrepassando i paesi di Serravezza (7,2 km dal casello autostradale) e Ruosina. Appena lasciato quest’ultimo, prendiamo a destra la SP 42 per Stazzema, oltrepassando in breve il paese di Pontestazzemese dal quale notiamo già i cartelli che ci conducono a Cardoso. Attraversiamo il paese sulla strada principale fino al bivio dove tralasciamo le indicazioni per Pruno e andiamo a destra passando di fianco la chiesa fiancheggiando altre abitazioni, in breve al prossimo bivio tralasciamo di salire alla località Orzale e stiamo a destra, indicazioni per Colombetta e il santuario di San Leonardo. La stradina in cattive condizioni sale, presso una curva a gomito e a una presa d’acqua ignoriamo l’inizio del sentiero CAI 8, andiamo ancora avanti fino all’incrocio con cartelli del CAI 12 dove termina l’asfaltata (circa 18 km dal casello autostradale di Versilia)






Stralcio della mappa interattiva webmapp tratta dal sito http://www.webmapp.it/


ITINERARIO: Partenza q.429 (L’asfaltata termina e ora continua su carrozzabile, alla nostra destra ci sono due stradelli, quello a sinistra sale a San Leonardo, il CAI 12 tiene quello a destra in leggera salita a ritroso)     Fosso di Casalina q.452 (Il largo corso d’acqua forma qualche cascatella e la carrozzabile è sbarrata, ora il CAI 12 continua su forestale)      Casa q.480 (Vecchia casa distante poche decine di metri alla nostra sinistra, stiamo sulla forestale in salita)      Casa q.545 (La forestale termina presso una casa vacanze con piccolo prato, il CAI 12 ora risale la scalinata di legno di fianco la grande fonte, poi continua a sinistra attraversando un ponticello e passandogli di fatto poco sopra)      Rudere q.570 (Rimangono solo pochi muri)      Fosso q.570 (Fosso d’acqua a pochi metri dal rudere precedente)    Fosso q.660 (L’esile sentiero sale alcune roccette scivolose nel fitto bosco dove c’è il piccolo corso d’acqua)     Teleferica q.709 (Rudere di una piccola teleferica nel fitto bosco, il sentierino CAI 12 ora continua in falsopiano)   –   Teleferica q.729 (Appena oltrepassato un rigagnolo d’acqua, alla nostra sinistra ci sono i resti di un'altra teleferica)    Rudere q.760 (Rudere e bivio del sentiero, segni CAI: a sinistra è CAI 12/CAI 124 per case Colombaia e monte Forato, noi prendiamo il CAI 124 che risale a destra di fianco l’edificio, indicazioni per Foce Petrosciana e Stazzema, direzione sud)      Rudere q.778 (Pochi muri a ridosso della parete rocciosa sepolti dalle piante rampicanti)      La Campanella q.785 (Vecchia casa con teleferica saltuariamente frequentata, l’aggiriamo e il CAI 124 comincia a scendere)     Ca’ Puccio q.750 (Vecchia casa abbandonata, sotto l’edificio scende un sentierino per Cardoso, segni vicino la finestra, stiamo sul CAI 124 che ora continua a sinistra su sentiero in falsopiano, direzione est)      Presa d’acqua q.750 (Con grande fonte lavatoio)      Bivio q.785 (Segni CAI sul macigno di roccia: dritto a destra inizia il CAI 124/A per Stazzema, noi stiamo sul CAI 124 a sinistra in salita)     Bivio q.910 (A sinistra a ritroso inizia un sentierino abbandonato, continuiamo sul CAI 124, il bivio può passare inosservato)      Bivio q.915 (Sul bivio c’è una grande marginetta, innesto sul CAI 6: dritto a destra si sviluppa a mezzacosta, noi stiamo a sinistra in salita)      Foce Petrosciana q.961 (Sella e incrocio con cartelli: dalla parte opposta il CAI 6 scende verso Fornovolasco, a sinistra in falsopiano c’è il CAI 131, noi prendiamo il CAI 110 a sinistra in salita sopra il basamento di cemento, indicazioni per la ferrata)      Bivio q.1068 (Segni CAI: il CAI 110 continua a mezzacosta conducendo direttamente all’arco naturale del monte Forato, noi risaliamo a sinistra e dopo pochi minuti uscendo dal bosco presso uno spigolo roccioso inizia la ferrata)     Monte Forato sud q.1223 (La ferrata è terminata da circa 15 minuti, la traccia non segnata continua sul crinale o poco sotto tra rada boscaglia e ci portiamo sulla vetta più alta del monte Forato, indicazioni assenti. Riprendiamo la traccia poco evidente con direzione nord/est, attenzione allo strapiombo sulla nostra sinistra)      CAI 110 q.1162 (Al termine della ripida discesa ci innestiamo sul CAI 110 che transitava poco sotto la ferrata, lo teniamo a sinistra)   –   Passo dell’Arco q.1155 (Siamo al grande arco naturale di roccia all’interno del quale scende il CAI 12 per le case di Colombaia, dritto a mezzacosta continua il CAI 110, a destra invece scende il CAI 12 per Fornovolasco. Dal foro risaliamo a sinistra portandoci sulla vetta del monte Forato dove possiamo già notare la presenza di una grande croce)     Monte Forato nord q.1209 (Croce e libro delle firme, torniamo sui nostri passi)     Passo dell’Arco q.1155 (Ora andiamo a sinistra tenendo il CAI 110 a mezzacosta, ignorando dopo pochi metri il CAI 12 che scende, direzione nord, in seguito dopo avere perso leggermente quota, inizia a salire mantenendosi sulla larga dorsale o poco sotto)      Foce di Valli q.1259 (Cartelli e incrocio sulla larga e verde sella: a destra nella vallata scende il CAI 130 per Fornovolasco, dritto a destra il CAI 7 risale il pendio erboso della Costa Pulita per il passo degli Uomini della Neve, dritto a sinistra il CAI 125 risale e continua a mezzacosta per il rifugio del Freo, noi prendiamo il CAI 7 che scende a sinistra e dopo un breve tratto a mezzacosta perde ripidamente quota)      Pinnacolo q.1018 (Pinnacolo roccioso con targa in memoria)     Bivio q.950 (Cartelli assenti: il sentiero si biforca, dritto a mezzacosta è un sentiero abbandonato per il rifugio La Fania, il CAI 7 scende a sinistra sempre all’interno del bosco, attenzione ai segni CAI)     Bivio q.818 (Dritto inizia un sentiero abbandonato che con la vegetazione può passare inosservato, il CAI 7 invece curva a U a sinistra, attenzione ai segni CAI)   –   Collemezzana q.770 (Anche Colle Spento, nucleo di vecchie case abbandonate. Ci portiamo davanti agli edifici dove ci sono i cartelli, il CAI 7 continua a scendere per il paese di Cardoso, noi prendiamo il CAI 124 a sinistra che si sviluppa a mezzacosta in piano all’interno del bosco per sentierino, direzione est)      Fosso q.747 (Fosso d’acqua)     Rudere q.717 (Situato a pochi metri sulla destra del sentiero in località La Ripa)     Fosso q.705 (Fosso d’acqua e ponticello)      Fosso di Cogna q.700 (Fosso con buona portata d’acqua, attraversiamo il ponticello di legno e dalla parte opposta c’è un rudere di cui rimangono pochi muri)   –    Fonte q.727 (Tubo con acqua, in breve il CAI 124 comincia a salire)      Rio del Capitato q.747 (Una passerella di legno risale il corso d’acqua, poi il CAI 124 continua la ripida ascesa paralleli al fosso)      Rudere q.765 (Appena risaliti ripidamente dal Rio del Capitato arriviamo a una piazzola nel fitto bosco con il rudere, ora il CAI 124 continua a destra a mezzacosta, sud)   –    Penna Rossa q.820 (Il sentiero CAI 124 risale fino alla dorsale boscosa di Penna Rossa, il punto quotato 809 da IGM sarebbe poco sotto di noi, indicazioni assenti, ora cominciamo a scendere con direzione est)     Casa Colombara q.769 (Rudere, il CAI 124 continua in piano costeggiando un muretto di sasso)     Bivio q.769 (Indicazioni: a sinistra il CAI 12 sale all’arco naturale del monte Forato, continuiamo dritto sul CAI 124/CAI 12)      Rudere q.760 (Chiudiamo l’anello, dritto il CAI 124 percorso all’andata conduce a Foce Petrosciana, stiamo sul CAI 12 a destra in discesa ripercorrendo il tragitto fatto in mattinata)    Teleferica q.729      Teleferica q.709      Fosso q.660     Fosso q.570     Rudere q.570      Casa q.545     Casa q.480     Fosso di Casalina q.452   –   Arrivo q.429.


DISLIVELLO TOTALE: 1200 m
QUOTA MASSIMA: 1291 m. sul CAI 110 tra monte Forato e Foce di Valli
LUNGHEZZA: 11,3 km
DIFFICOLTA: EEA


NOTE:




Sentieri



- Itinerario ben segnato dal CAI.
- La ferrata del monte Forato è da considerarsi facile, la parte più tecnica è quella iniziale quando si risale uno spigolo roccioso aiutati da funi e catene, poi per il proseguo sul crinale il cavo d’acciaio è utile come corrimano. Il tratto dalla fine della ferrata attraverso la cima sud del monte Forato e relativa discesa fino a innestarsi sul CAI 110 è per esile traccia non segnata che può creare qualche incertezza.


Rifugi-Bivacchi
-Assenti



Fonti

- Fontana sul CAI 12 alla Casa q.545 quando termina la forestale.
- Fontana dietro la vecchia casa La Campanella.
- Fonte alla Presa d’acqua q.750 sul CAI 124 a poca distanza da Ca’ Puccio.
- Fonte q.727 sul CAI 124 tra il fosso di Cogna e il rio del Capitato (tubo con acqua).

 

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Partenza q.429
0,00
Pinnacolo q.1018
4,05
Fosso di Casalina
0,02
Bivio q.950
4,14
Casa q.480
0,06
Bivio q.818
4,27
Casa q.545
0,13
Collemezzana
4,32
Rudere q.570
0,18
Fosso q.747
4,37
Fosso q.570
0,19
Rudere q.717
4,46
Fosso q.660
0,30
Fosso q.705
4,48
Teleferica q.709 
0,36
Fosso di Cogna
4,52
Teleferica q.729 
0,41
Fonte q.727
5,02
Rudere q.760
0,45
Rio del Capitato
5,08
Rudere q.785
0,49
Rudere q.765
5,12
La Campanella
0,52
Penna Rossa
/
Ca’ Puccio
0,55
Casa Colombara
5,32
Presa d’acqua q.750
0,56
Bivio q.769
5,33
Bivio q.785
1,02
Rudere q.760
5,34
Bivio q.910
1,18
Teleferica q.729 
/
Bivio q.915
1,19
Teleferica q.709 
/
Foce Petrosciana
1,25
Fosso q.660
/
Bivio q.1068
1,42
Fosso q.570
/
Monte Forato sud
2,20
Rudere q.570
/
CAI 110 q.1162
2,27
Casa q.545
/
Passo dell’Arco
2,29
Casa q.480
/
Monte Forato nord
2,34
Fosso di Casalina
/
Passo dell’Arco
/
Arrivo q.429
6,10
Foce di Valli
3,30




Partenza q.429 (L’asfaltata termina e ora continua su carrozzabile, alla nostra destra ci sono due stradelli, quello a sinistra sale a San Leonardo, il CAI 12 tiene quello a destra in leggera salita a ritroso)
CAI 12
Casa q.545 (La forestale termina presso una casa vacanze con piccolo prato)
Casa q.545 (La forestale termina presso una casa vacanze con piccolo prato, il CAI 12 ora risale la scalinata di legno di fianco la grande fonte, poi continua a sinistra attraversando un ponticello e passandogli di fatto poco sopra)
Poi continua a sinistra attraversando un ponticello e passandogli di fatto poco sopra
Rudere q.570 (Rimangono solo pochi muri)  

Fosso q.570 (Fosso d’acqua a pochi metri dal rudere precedente)
Sul sentierino CAI 12
Teleferica q.709 (Rudere di una piccola teleferica nel fitto bosco)
Sul sentierino CAI 12
Rudere q.760 (Rudere e bivio del sentiero, segni CAI)
Rudere q.778 (Pochi muri a ridosso della parete rocciosa sepolti dalle piante rampicanti)

La Campanella q.785 (Vecchia casa con teleferica saltuariamente frequentata)
La Campanella q.785 (Vecchia casa con teleferica saltuariamente frequentata)
Tra La Campanella e Cà Puccio
Ca’ Puccio q.750 (Vecchia casa abbandonata)
Ca’ Puccio q.750 (Vecchia casa abbandonata)
Ca’ Puccio q.750 (Placca con data)

Presa d’acqua q.750 (Con grande fonte lavatoio)  
Bivio q.785 (Segni CAI sul macigno di roccia: dritto a destra inizia il CAI 124/A per Stazzema, noi stiamo sul CAI 124 a sinistra in salita)
Bivio q.915 (Sul bivio c’è una grande marginetta)
Bivio q.915 (Sul bivio c’è una grande marginetta, innesto sul CAI 6: dritto a destra si sviluppa a mezzacosta, noi stiamo a sinistra in salita)  

Sul CAI 6 che sale alla Foce di Petrosciana
Foce Petrosciana q.961
Foce Petrosciana q.961 (Sella e incrocio con cartelli)  
Foce Petrosciana q.961 (Sella e incrocio con cartelli: dalla parte opposta il CAI 6 scende verso Fornovolasco, a sinistra in falsopiano c’è il CAI 131, noi prendiamo il CAI 110 a sinistra in salita sopra il basamento di cemento, indicazioni per la ferrata) 

Sul CAI 110 che sale verso la ferrata
Uscendo dal bosco presso uno spigolo roccioso inizia la ferrata
Inizio della ferrata del monte Forato
Ferrata del monte Forato
Ferrata del monte Forato

Ferrata del monte Forato
Ferrata del monte Forato

Ferrata del monte Forato
Ferrata del monte Forato
Ferrata del monte Forato

Il tratto terminale della ferrata
Il tratto terminale della ferrata
Monte Forato sud q.1223
CAI 110 q.1162 (Al termine della ripida discesa ci innestiamo sul CAI 110 che transitava poco sotto la ferrata)
Passo dell’Arco
Passo dell’Arco

Monte Forato nord q.1209 (Croce e libro delle firme)
Sul CAI 110 che dal monte Forato conduce a Foce Valli
Sul CAI 110 che dal monte Forato conduce a Foce Valli 
Sul CAI 110 che dal monte Forato conduce a Foce Valli 
Sul CAI 110 che dal monte Forato conduce a Foce Valli 

Foce di Valli q.1259 (Cartelli e incrocio sulla larga e verde sella)
Da Foce di Valli q.1259 prendiamo il CAI 7 che scende a sinistra
Sul CAI 7 che da Foce di Valli scende alle case di Collemezzana
Sul CAI 7 che da Foce di Valli scende alle case di Collemezzana
Sul CAI 7 che da Foce di Valli scende alle case di Collemezzana

Pinnacolo q.1018 (Pinnacolo roccioso con targa in memoria)
Pinnacolo q.1018 (Pinnacolo roccioso con targa in memoria)
Sul CAI 7 che da Foce di Valli scende alle case di Collemezzana
Arrivo a Collemezzana
Collemezzana q.770 (Anche Colle Spento, nucleo di vecchie case abbandonate)

Collemezzana q.770 (Anche Colle Spento)
Collemezzana q.770 (Targhe in memoria)
Collemezzana q.770 (Anche Colle Spento, nucleo di vecchie case abbandonate)
Collemezzana q.770 (Prendiamo il CAI 124 a sinistra che si sviluppa a mezzacosta in piano all’interno del bosco per sentierino, direzione est)
CAI 124
Rudere q.717 (Situato a pochi metri sulla destra del sentiero in località La Ripa)

Fosso q.705 (Fosso d’acqua e ponticello)
Fosso di Cogna q.700
Fonte q.727 (Tubo con acqua)
Rio del Capitato q.747 (Una passerella di legno risale il corso d’acqua)
Rio del Capitato q.747 (Una passerella di legno risale il corso d’acqua)
Rudere q.765 (Appena risaliti ripidamente dal Rio del Capitato arriviamo a una piazzola nel fitto bosco con il rudere)

Casa Colombara q.769
Casa Colombara q.769
Casa Colombara q.769
Bivio q.769 (Indicazioni)










2 commenti:

  1. lasciamo perdere la qualità dei dettagli che nemmeno io che ho ripetuto questo itinerario mille volte sarei in grado di descrivere cosi dettagliatamente,ma vogli o,con permesso,aggiungere che come punto di appoggio segnalo il rifugio la Fania che anche se non gestito può comunque dare conforto (essendo ubicato in ambiente gradevole)e comunque fruibile richiedendo le chiavi al C.A.I di Viareggio.
    Ciao Chistian e grazie delle continue visite nelle nostre montagne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimiliano, grazie della segnalazione, il rifugio La Fania non l'ho citato perchè non è situato direttamente nell'itinerario che ho fatto ma è raggiungibile facendo una deviazione, ci sono stato una volta e confermo la bellezza del posto e anche della struttura che come dici tu non è gestita e quindi era chiuso.

      Elimina