mercoledì 21 maggio 2014

Monte Cucco (da Rucce) EE

DATA: 11 maggio 2014

PARTENZA: Sulla via Flaminia SS.3 che collega Fano a Roma, usciamo al paese di Scheggia, lo attraversiamo e prendiamo la SP.360 con indicazioni Sassoferrato e Isola Fossara. Dopo 15 km arriviamo a Isola Fossara e voltiamo a destra continuando sulla strada provinciale in direzione di Sassoferrato per altri 5,5 km fino a raggiungere l’abazia di San Emiliano, quindi lasciamo la SP.360 e voltiamo a destra sulla SP.47 percorrendola per 7 km fino ad arrivare alla frazione di Rucce, parcheggiamo dove c’è il cartello che indica l’entrata del paese.



Visualizza Monte Cucco da Rucce in una mappa di dimensioni maggiori



Traccia reale del GPS sullo stralcio della carta IGM Istituto Geografico Militare tratto dal Geoportale nazionale



ITINERARIO: Rucce q.595 (Senza entrare a Rucce, iniziamo sulla strada asfaltata tornando indietro)     –    Deviazione q.580 (Lasciamo la SP.47 che curva, andiamo dritto per stradina con indicazioni “Piaggia Secca”)     –    Bivio q.573 (In prossimità del Fosso Paccone, dritto inizia un largo sentiero non segnato, noi teniamo la stradina che curva a gomito)     –    Piaggia Secca q.636 (Arriviamo al paesino di Piaggia Secca, prima di passare davanti a dei garage, saliamo a sinistra per sentiero che ci porta direttamente alle abitazioni, attraversiamo un grande porticato e passando davanti a delle fontane, tralasciamo la stradina asfaltata che scende e prendiamo la forestale chiusa da sbarra che sale che è CAI 12, dopo pochi metri fa un bivio, il CAI 12 la tiene a sinistra)     –   Bivio q.658 (Ritorniamo sulla forestale principale, la teniamo a sinistra)    –    Maestà q.670 (Maestà e bivio: a destra è sterrata CAI 136, noi andiamo dritto per forestale CAI 12 che in loco è segnata come CAI 136B)     –    Presa d’acqua q.682 (Piccolo casotto)    –     Bivio q.697 (Dritto a destra inizia una sterrata, teniamo la forestale CAI 12)    –    Bivio q.743 (Dritto a destra inizia una sterrata, teniamo la forestale CAI 12)     –    Fonte abbeveratoio q.790 (Ci rimane sulla destra, teniamo la forestale in salita)   –    Bivio q.826 (A sinistra a ritroso inizia un sentiero non segnato, noi teniamo la forestale)    –   Passo Porraia q.931 (Sella e incrocio, segni CAI ma cartelli assenti: pochi metri prima a destra inizia la sterrata CAI 3, sulla sella a destra è CAI 18, a sinistra è CAI 11 che aggira monte Spicchio, noi teniamo la forestale che scende dalla parte opposta che ora è CAI 3)   –    Bivio q.891 (Termina la forestale, guadiamo il fosso d’acqua e c’è il bivio con cartelli: dritto prosegue il CAI 3 per sentiero, noi risaliamo a destra con il CAI 17)   –    La Fida q.985 (Bivio e cartelli, in loco quotato 1001 m, innesto sul CAI 1: a sinistra conduce in Val di Ranco e Pian di Monte, noi a destra per Pian delle Macinare)   –    Bivio q.1014 (Cartelli nel bosco: a destra scende il CAI 16 per la Voragine di Bocca Nera, noi teniamo il CAI 1 in salita)    –   Passo del Lupo q.1140 (Punto panoramico in prossimità di una parete rocciosa al termine della salita nel bosco)    –    Casotto q.1142 (Piccolo casotto in muratura che oltrepassiamo poco sotto, il sentiero si allarga)    –   Pian delle Macinare q.1134 (Nel prato poco sotto di noi è ben visibile l’omonimo rifugio, ora andiamo a sinistra e inizia la strada asfaltata)   –   Val Rachena q.1146 (Incrocio: a destra inizia la carrozzabile che aggira il Pian delle Macinare, noi lasciamo l’asfaltata e risaliamo a sinistra nel bosco con il sentiero CAI 2, cartello ma segnatura molto sporadica)   –    Bivio q.1423 (Cartelli al termine della risalita nel bosco: a destra inizia il CAI 15 per la Fonte Ghiacciata, noi andiamo a sinistra sul CAI 2 in falsopiano e a mezzacosta aggirando il versante ovest del monte Cucco)   –   Bivio q.1431 (Dritto inizia a scendere un sentiero non segnato, il CAI 2 volta a destra, est, aggirando sempre a mezzacosta ora il versante nord)   –   Bivio q.1459 (Cartelli: dritto in discesa prosegue il CAI 2 per la grotta, noi iniziamo a risalire a destra con il CAI 14 per la vetta, direzione sud)   –   Monte Cucco q.1566 (Niente che identifichi la vetta, si prosegue dalla parte opposta sempre con direzione sud tenendo il CAI 14 nella prateria sommitale, poi dopo pochi minuti lo lasciamo e viriamo a destra raggiungendo a vista la grande croce)    –   Croce q.1435 (Grande croce in metallo. Ora andiamo a sinistra scendendo per tracce nella prateria, direzione sud/est, poco sotto di noi c’è il CAI 15)   –   CAI 15 q.1405 (Innesto sul CAI 15, lo teniamo a sinistra con sentiero a mezzacosta)     –   Costa della Valcella q.1345 (Bivio e cartelli: da sinistra proviene il CAI 14 che avevamo lasciato per andare alla croce, noi teniamo la dorsale con il CAI 15)    –   Deviazione q.1297 (Lasciamo la dorsale e scendiamo a sinistra in vista del vicino rifugio)   –    Rifugio della Valcella q.1296 (Recente costruzione di legno e innesto sulla forestale CAI 2, la teniamo a destra)    –    Pian di Monte q.1197 (Area parcheggio e inizio strada asfaltata che percorriamo)   -    Incrocio q.1200 (In prossimità di una fontana, tralasciamo una sterrata che sale a sinistra, il sentiero CAI 2 che scende a sinistra, la traccia CAI 41 che scende a destra poco sotto un vecchio abbeveratoio, stiamo sulla strada asfaltata)    –     Rifugio La Valletta q.1180 (Anche ristorante “Dal Lepre”)    –   Piano di Porci q.1130 (Bivio dell’asfaltata, andiamo a sinistra con indicazioni per il ristorante di monte Cucco ma percorsi pochi metri la lasciamo: a destra inizia la carrozzabile per l’area di decollo, a sinistra inizia un sentiero delimitato da una recinzione o paletti di legno, noi invece dobbiamo individuare l’esile sentierino sempre a sinistra che si mantiene parallelo e poco sotto la strada, segni assenti)   –   Val di Ranco q.1073 (Ritroviamo la strada che avevamo lasciato a Piano dei Porci, il sentierino tagliava un tornante. Andiamo a sinistra dove c’è l’area sosta per camper, poi la lasciamo subito prendendo la stradina a destra che passa di fianco a una chiesetta)   –    Bivio q.1070 (Bivio della stradina e cartelli CAI appena oltrepassata la chiesetta: dritto è Viale San Pietro anche CAI 10 Bis, noi andiamo a destra in salita che è CAI 10 oltrepassando delle case per vacanza)   –   Bivio q.1105 (A sinistra c’è una stradina senza uscita, andiamo dritto)    –   Deviazione q.1113 (La stradina curva a gomito a sinistra e termina è “via dello Scoiattolo”, noi andiamo a destra iniziando una carrozzabile sempre per CAI 10)   –    Sella di monte Culumeo q.1123 (Deviazione e cartello: la carrozzabile prosegue verso gli evidenti ripetitori di Montarone, il CAI 10 prosegue per sentierino a sinistra aggirando il versante est del monte Culumeo, noi risaliamo a sinistra su stradello o largo sentiero, segni assenti)   –   Presa d’acqua q.1155 (Vecchio edificio in cemento e fine dello stradello, si prosegue su esile sentierino in leggera discesa delimitato da i pali di legno della recinzione, segni assenti, iniziamo ad aggirare il versante ovest del monte Culumeo)   –    Deviazione q.1151 (I pali di legno scendono a sinistra inoltrandosi nel bosco, li lasciamo e proseguiamo senza una vera traccia iniziando ad aggirare il versante nord di monte Culumeo, cerchiamo di mantenerci tra 1150 e 1100 m. attraverso la rada boscaglia)   –    Passo Cattivo q.1085 (Mantenendo la direzione est per aggirare il versante nord del monte Culumeo, alla fine usciamo dal bosco e sotto di noi c’è la Valle di San Pietro e il sentiero CAI 10 che risale anch’esso al Passo Cattivo. Dalla sella tralasciamo il CAI 11 a sinistra su crinale per monte Spicchio e scendiamo dalla parte opposta con il CAI 10)   –     Bivio q.1004 (Segni CAI ma cartelli assenti: a destra il CAI 10 risale aggirando il versante est di monte Culomeo e riportando di fatto all’omonima sella, noi proseguiamo in discesa ora su CAI 136)    -    Bivio q.680 (Il sentiero si allarga, a sinistra sale non segnato, il CAI 136 prosegue dritto in discesa)   -   Bivio q.604 (Il CAI 136 scende a destra per sentiero, noi lo lasciamo e proseguiamo dritto in falsopiano sul sentiero più largo in vista delle case di Rucce)   -     Bivio q.603 (A destra un largo sentiero sbarrato da un cancello conduce a una casa, noi andiamo dritto)    -   Asfaltata q.590 (Innesto sulla strada asfaltata, andiamo a sinistra e siamo subito a Rucce)   -   Rucce q.595
DISLIVELLO TOTALE: 1450 m.
QUOTA MASSIMA: Monte Cucco q.1566
LUNGHEZZA: 20 km
DIFFICOLTA: EE



TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Rucce
0,00
Croce q.1435
2,55
Deviazione q.580
0,04
CAI 15 q.1405
2,59
Bivio q.573
0,08
Costa della Valcella
3,04
Piaggia Secca
0,15
Deviazione q.1297
3,07
Bivio q.658
0,20
Rifugio della Valcella
3,09
Maestà q.670
0,21
Pian di Monte
3,22
Presa d’acqua
0,23
Incrocio q.1200
/
Bivio q.697
0,24
Rifugio La Valletta
3,30
Bivio q.743
0,30
Piano di Porci
3,40
Fonte abbeveratoio q.790
0,42
Val di Ranco q.1073
3,50
Bivio q.826
0,43
Bivio q.1070
3,52
Passo Porraia
0,55
Bivio q.1105
3,56
Bivio q.891
1,00
Deviazione q.1113
3,57
La Fida
1,10
Sella di monte Culumeo
/
Bivio q.1014
1,14
Presa d’acqua q.1155
4,12
Passo del Lupo
1,30
Deviazione q.1151
4,17
Casotto q.1142
1,38
Passo Cattivo
4,35
Pian delle Macinare
1,39
Bivio q.1004
4,43
Val Rachena
1,43
Bivio q.680
5,13
Bivio q.1423
2,15
Bivio q.604
5,20
Bivio q.1431
2,25
Bivio q.603
5,23
Bivio q.1459
2,32
Asfaltata q.590
5,24
Monte Cucco
2,45
Rucce
5,28



NOTE:




Sentieri



- La segnatura dei sentieri CAI è sporadica.
- Il collegamento tra la sella di monte Culumeo e il passo Cattivo è per esili tracce non segnate, bisogna cercare di mantenersi tra i 1150 e 1100 m. nella rada boscaglia. Questo tratto lo devono fare escursionisti esperti conoscitori della zona o dotati di GPS, altrimenti dal passo di monte Culumeo bisogna prendere il sentiero CAI 10 che aggira il versante est portando direttamente al Bivio q.1004. (più corto e logico)
- Il monte Cucco è soggetto a frequenti nebbie o nubi basse



Fonti

- Fonte abbeveratoio q.790 sulla forestale CAI 12 che dal paese di Piaggia Secca risale al passo Porraia.
- Fontana di fianco la chiesetta in Val di Ranco
- Fontana sulla strada di Pian del Monte 


 


Rucce q.595 (Senza entrare a Rucce, iniziamo sulla strada asfaltata tornando indietro)   
Deviazione q.580 (Lasciamo la SP.47 che curva, andiamo dritto per stradina con indicazioni “Piaggia Secca”) 
Deviazione q.580 (Lasciamo la SP.47 che curva, andiamo dritto per stradina con indicazioni “Piaggia Secca”) 
Piaggia Secca q.636: arriviamo al paesino di Piaggia Secca, prima di passare davanti a dei garage, saliamo a sinistra per sentiero che ci porta direttamente alle abitazioni….
Piaggia Secca q.636: arriviamo al paesino di Piaggia Secca, prima di passare davanti a dei garage, saliamo a sinistra per sentiero che ci porta direttamente alle abitazioni….
… attraversiamo un grande porticato ….

…. passando davanti a delle fontane tralasciamo la stradina asfaltata che scende e prendiamo la forestale chiusa da sbarra che sale che è CAI 12.
…. passando davanti a delle fontane tralasciamo la stradina asfaltata che scende e prendiamo la forestale chiusa da sbarra che sale che è CAI 12.
Maestà q.670
Forestale CAI 12
Fonte abbeveratoio q.790
Arrivo al passo Porraia

Dal passo Porraia teniamo la forestale che scende dalla parte opposta che ora è CAI 3
Dal passo Porraia teniamo la forestale che scende dalla parte opposta che ora è CAI 3
La Fida q.985 (Bivio e cartelli, in loco quotato 1001 m, innesto sul CAI 1: a sinistra conduce in Val di Ranco e Pian di Monte, noi a destra per Pian delle Macinare) 
La Fida q.985 (Bivio e cartelli, in loco quotato 1001 m, innesto sul CAI 1: a sinistra conduce in Val di Ranco e Pian di Monte, noi a destra per Pian delle Macinare) 
Sul CAI 1
Sul CAI 1

Passo del Lupo
Sul CAI 1
Casotto q.1142 (Piccolo casotto in muratura che oltrepassiamo poco sotto, il sentiero si allarga)
Pian delle Macinare q.1134 (Nel prato poco sotto di noi è ben visibile l’omonimo rifugio)
Val Rachena q.1146
Val Rachena q.1146

Nel bosco con il sentiero CAI 2
Nel bosco con il sentiero CAI 2
Dal Bivio q.1423 noi andiamo a sinistra sul CAI 2 in falsopiano e a mezzacosta aggirando il versante ovest del monte Cucco
Il CAI 14 che sale alla vetta del monte Cucco
Monte Cucco q.1566
Croce q.1435 (Grande croce in metallo)

Costa della Valcella q.1345 (Bivio e cartelli)
Costa della Valcella
Deviazione q.1297 (Lasciamo la dorsale e scendiamo a sinistra in vista del vicino rifugio)
Rifugio della Valcella q.1296
Forestale CAI 2
Pian di Monte q.1197
(Area parcheggio e inizio strada asfaltata che percorriamo)

Scultura “il volo di Giulia” a Pian di Monte
Scultura “il volo di Giulia” a Pian di Monte
Sulla strada verso il Rifugio La Valletta
Rifugio La Valletta q.1180 (Anche ristorante “Dal Lepre”)    
Sulla strada verso Piano di Porci
Piano di Porci q.1130 (Bivio dell’asfaltata, andiamo a sinistra con indicazioni per il ristorante di monte Cucco ma percorsi pochi metri la lasciamo, dobbiamo individuare l’esile sentierino sempre a sinistra che si mantiene parallelo e poco sotto la strada, segni assenti)

Il sentierino che scende da Piano dei Porci
La chiesetta in Val di Ranco q.1073
Interno della chiesetta
Bivio q.1070 (Bivio della stradina e cartelli CAI appena oltrepassata la chiesetta: dritto è Viale San Pietro anche CAI 10 Bis, noi andiamo a destra in salita che è CAI 10 oltrepassando delle case per vacanza)
Case vacanza lungo la stradina
Sulla stradina che sale verso la Sella di monte Culumeo

Deviazione q.1113 (La stradina curva a gomito a sinistra e termina è “via dello Scoiattolo”, noi andiamo a destra iniziando una carrozzabile sempre per CAI 10)
Sella di monte Culumeo q.1123 (Deviazione e cartello: la carrozzabile prosegue verso gli evidenti ripetitori di Montarone, il CAI 10 prosegue per sentierino a sinistra aggirando il versante est del monte Culumeo, noi risaliamo a sinistra su stradello o largo sentiero, segni assenti) 
Sella di monte Culumeo q.1123 (Deviazione e cartello: la carrozzabile prosegue verso gli evidenti ripetitori di Montarone, il CAI 10 prosegue per sentierino a sinistra aggirando il versante est del monte Culumeo, noi risaliamo a sinistra su stradello o largo sentiero, segni assenti) 
Sullo stradello che sale dalla sella di monte Culumeo
Sullo stradello che sale dalla sella di monte Culumeo
Presa d’acqua q.1155
(Vecchio edificio in cemento e fine dello stradello)

Presa d’acqua q.1155
(Si prosegue su esile sentierino in leggera discesa delimitato da  pali di legno della recinzione, segni assenti, iniziamo ad aggirare il versante ovest del monte Culumeo)
Aggiriamo il versante nord di monte Culumeo per esile traccia
Mantenendo la direzione est per aggirare il versante nord del monte Culumeo, alla fine usciamo dal bosco e sotto di noi c’è la Valle di San Pietro e il sentiero CAI 10 che risale anch’esso al Passo Cattivo
Mantenendo la direzione est per aggirare il versante nord del monte Culumeo, alla fine usciamo dal bosco e sotto di noi c’è la Valle di San Pietro e il sentiero CAI 10 che risale anch’esso al Passo Cattivo

Arrivo al passo Cattivo
Dal passo Cattivo scendiamo dalla parte opposta con il CAI 10
Dal passo Cattivo scendiamo dalla parte opposta con il CAI 10
CAI 136
Asfaltata q.590 (Innesto sulla strada asfaltata)
Arrivo a Rucce

Nessun commento:

Posta un commento