martedì 9 febbraio 2016

Sentiero attrezzato Sasse (EEA)

Questa facile ferrata si sviluppa sulla riva del lago d' Idro che per la bassa quota è percorribile tutto l'anno, particolarmente adatta ai principianti è consigliata a tutti per la bellezza dell'itinerario.

DATA: 13 dicembre 2015

PARTENZA: Con l’autostrada A4 usciamo al casello di Brescia Est, iniziamo a percorrere la SS.45 Bis seguendo le indicazioni per Salò e Madonna di Campiglio. Dopo 19 km si continua sulla SS.237 della Val Sabbia arrivando al paese di Pieve Vecchia nella punta meridionale del lago d’Idro, quindi lasciamo la SS.237 che continua a seguire la riva occidentale, e voltiamo a destra sulla SP.58 per Valvestino, percorriamo appena 1,3 km e scendiamo a sinistra oltrepassando il paese di Crone d’Idro e proseguendo sulla stradina parallela alla riva del lago che termina alla spiaggia de La Busetta appena attraversato l’abitato di Vesta (8,5 km da Pieve Vecchia)




 Immagine tratta da una delle tabelle in loco



ITINERARIO: Vesta q.371 (Dalla spiaggia de La Busetta a Vesta, ci sono i cartelli che indicano l’inizio del sentiero che subito s’inoltra nel bosco e prosegue in piano lungo la riva del lago d’Idro, direzione nord)      Palestra di roccia q.381 (Tabella. Palestra di roccia Corna di Fenere)        Incrocio q.394 (Cartelli: a destra risale al “Sentiero dei Contrabbandieri” e sarà il nostro ritorno, a sinistra scende al “Prato della Fame”, noi andiamo dritto in piano)        Bivio q.415 (Siamo sotto il dosso roccioso della Madonnina, a destra c’è un sentierino non segnato che potrebbe passare inosservato, noi stiamo a sinistra costeggiando la parete rocciosa in vista dei cartelli)        Dosso della Madonnina q.410 (Punto panoramico sul lago e fine del sentiero turistico, inizia il sentiero ferrato delle Sasse in discesa nel bosco e attrezzato con cavo d’acciaio, cartelli)        Ponte q.373 (Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia arrivando a una grande passerella, dalla parte opposta si risale la paretina rocciosa grazie a dei pioli in metallo)        Forestale q.453 (Già circa dieci minuti prima di arrivarci erano terminati i cavi d’acciaio e proseguivamo su sentiero, ora ci innestiamo sulla forestale che inizia proprio da questo punto e finisce ufficialmente il sentiero attrezzato delle Sasse, andiamo avanti pochi metri e la lasciamo risalendo a destra il “Sentiero dei Contrabbandieri”, cartelli)       Bivio q.515 (Cartelli: a sinistra inizia il “Sentiero dei Tralicci”, andiamo dritto sul Sentiero dei Contrabbandieri, segni assenti)        Bivio q.500 (Cartelli e biforcazione del sentierino: dritto a sinistra prosegue senza nessuna indicazione, noi andiamo a destra iniziando a scendere ripidamente a zig-zag)        Incrocio q.394 (Chiudiamo l’anello, ripercorriamo il percorso fatto all’andata)     –    Palestra di roccia q.381      Vesta q.371.

 DISLIVELLO TOTALE: 350 m
QUOTA MASSIMA: 527 m
LUNGHEZZA: 5,7 km
DIFFICOLTA: EEA


NOTE:



Sentieri



- Da classificare come facile, il Sentiero Attrezzato delle Sasse dopo il primo tratto iniziale di discesa, costeggia a pochi metri la riva del lago d’Idro regalandoci delle belle viste, la seconda parte del tragitto invece si mantiene nel bosco. Da notare che lungo il percorso ferrato, sono stati individuati tre punti strategici segnalati da una tabella per fare intervenire i soccorsi in caso di necessità.
- Molto bella anche la via di ritorno percorrendo il Sentiero dei Contrabbandieri, il tracciato su cengia nel bosco si sviluppa in falsopiano, praticamente sopra il Sentiero Attrezzato delle Sasse, alcuni punti sono attrezzati con cavo corrimano, lo percorriamo senza difficoltà prestando attenzione al precipizio sul lato del lago.

 

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (Ore)
Vesta
0,00
Palestra di roccia
0,06
Incrocio q.394
0,12
Bivio q.415
0,19
Dosso della Madonnina
0,20
Ponte
0,45
Forestale q.453
1,48
Bivio q.515
2,09
Bivio q.510
2,31
Incrocio q.394
/
Palestra di roccia
/
Vesta
2,50



Vesta q.371 (Dalla spiaggia de La Busetta a Vesta, ci sono i cartelli che indicano l’inizio del sentiero che subito s’inoltra nel bosco e prosegue in piano lungo la riva del lago d’Idro, direzione nord)
Vesta q.371 (Dalla spiaggia de La Busetta a Vesta, ci sono i cartelli che indicano l’inizio del sentiero che subito s’inoltra nel bosco e prosegue in piano lungo la riva del lago d’Idro, direzione nord)
Vesta q.371 (Dalla spiaggia de La Busetta a Vesta, ci sono i cartelli che indicano l’inizio del sentiero che subito s’inoltra nel bosco e prosegue in piano lungo la riva del lago d’Idro, direzione nord)
Vesta q.371 (Dalla spiaggia de La Busetta a Vesta, ci sono i cartelli che indicano l’inizio del sentiero che subito s’inoltra nel bosco e prosegue in piano lungo la riva del lago d’Idro, direzione nord)
Palestra di roccia q.381
(Tabella. Palestra di roccia Corna di Fenere)
Sul sentiero che conduce al Dosso della Madonnina

Sul sentiero che conduce al Dosso della Madonnina

Panorama sul lago d’Idro

Cartelli all’Incrocio q.394 
Dosso della Madonnina q.410 (Punto panoramico sul lago e fine del sentiero turistico, inizia il sentiero ferrato delle Sasse in discesa nel bosco e attrezzato con cavo d’acciaio, cartelli)

Dosso della Madonnina q.410 (Punto panoramico sul lago) 

Dosso della Madonnina q.410
Inizia il sentiero ferrato delle Sasse in discesa nel bosco e attrezzato con cavo d’acciaio
Inizia il sentiero ferrato delle Sasse in discesa nel bosco e attrezzato con cavo d’acciaio
Inizia il sentiero ferrato delle Sasse in discesa nel bosco e attrezzato con cavo d’acciaio

Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia

Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia

Scesi fino a lambire la riva del lago, il sentiero ferrato lo costeggia su cengia
Ponte q.373 (Grande passerella, dalla parte opposta si risale la paretina rocciosa grazie a dei pioli in metallo)
Ponte q.373 (Grande passerella, dalla parte opposta si risale la paretina rocciosa grazie a dei pioli in metallo)
Ponte q.373 (Grande passerella, dalla parte opposta si risale la paretina rocciosa grazie a dei pioli in metallo)
Sentiero attrezzato Sasse


Sentiero attrezzato Sasse
Sentiero attrezzato Sasse
Sentiero attrezzato Sasse
Sentiero attrezzato Sasse
Sentiero attrezzato Sasse
Sentiero attrezzato Sasse

Sentiero attrezzato Sasse
Da notare che lungo il percorso ferrato, sono stati individuati tre punti strategici segnalati da una tabella per fare intervenire i soccorsi in caso di necessità.
Sentiero attrezzato Sasse

Sentiero attrezzato Sasse


Forestale q.453
(Ci innestiamo sulla forestale che inizia proprio da questo punto e termina ufficialmente il sentiero attrezzato delle Sasse)
Forestale q.453 (Andiamo avanti pochi metri e la lasciamo risalendo a destra il “Sentiero dei Contrabbandieri”, cartelli)
Sentiero dei Contrabbandieri

Sentiero dei Contrabbandieri
Bivio q.515 (Cartelli: a sinistra inizia il “Sentiero dei Tralicci”, andiamo dritto sul Sentiero dei Contrabbandieri, segni assenti)

Sentiero dei Contrabbandieri
Sentiero dei Contrabbandieri
Sentiero dei Contrabbandieri (Panorama sul lago d’Idro)

Sentiero dei Contrabbandieri
Sentiero dei Contrabbandieri





2 commenti:

  1. Apparentemente facile... Bellissimo però il contesto sul lago... Indubbiamente da valutare... Soliti complimenti ed un caro saluto

    RispondiElimina
  2. Ciao Manuel, ti confermo che la ferrata, anzi "sentiero ferrato" è molto facile,merita indubbiamente di essere percorso e poi noi lo abbiamo fatto a dicembre dove non c'era nessuno e il "silenzio" del lago ci avvolgeva!

    RispondiElimina