mercoledì 3 febbraio 2016

Via ferrata Crench (EEA)

Via ferrata di media difficoltà nel comprensorio del lago d' Idro, per la modesta quota raggiunta la possiamo percorrere per la maggior parte dell'anno.

DATA: 12 dicembre 2015

PARTENZA: Con l’autostrada A4 usciamo al casello di Brescia Est e iniziamo a percorrere la SS.45 Bis seguendo le indicazioni per Salò e Madonna di Campiglio. Dopo 19 km si continua sulla SS.237 della Val Sabbia arrivando al paese di Pieve Vecchia nella punta meridionale del lago d’Idro, quindi lasciamo la SS.237 che continua a seguire la riva occidentale, e voltiamo a destra sulla SP.58 per Valvestino, percorriamo appena 1,3 km e scendiamo a sinistra attraversando il paese di Crone d’Idro, in direzione di Vesta, all’uscita del quale dobbiamo individuare alla nostra destra la “via Preonde” nostra punto di partenza, cartelli CAI in metallo poco evidenti.






Traccia reale del GPS sullo stralcio della carta IGM Istituto Geografico Militare tratto dal Geoportale nazionale

ITINERARIO: Crone d’Idro q.377 (Risaliamo la stradina asfaltata “via Preonde”)       Bivio q.389 (Teniamo la via Preonde in salita, a destra è via Montello)        Bivio q.407 (Teniamo la via Preonde in salita, a destra è via Ferretti)       Fienili Preonde q.450 (Fine dell’asfaltata, incrocio di sentieri e cartelli: prendiamo il CAI 452 che inizia a sinistra tra i muri di due case)        Bivio q.460 (Cartelli: il sentiero si biforca: a destra prosegue il CAI 452 per la cima Crench, noi andiamo dritto, indicazioni per la ferrata)    –    Bivio q.468 (Cartelli: a destra c’è la “palestra di roccia Crench”, noi andiamo dritto per la ferrata)        Ferrata Crench q.490 (Inizio della ferrata)        Bivio q.536 (Cartello indica la “via di fuga” per abbandonare la ferrata in caso di necessità)     –    Cima Cochet q.632 (Anche “Punta Pelata”. Fine della ferrata, grande croce di metallo e libro delle firme, ora si prosegue su sentierino in falsopiano, direzione est)       Bivio q.637 (Cartelli assenti, abbiamo appena lasciato la cima e siamo entrati nel bosco, a destra scende un sentierino non segnato in stato di abbandono che ci potrebbe far chiudere subito il giro, andiamo dritto)    –    Galleria q.766 (Postazione della seconda guerra mondiale appena sotto la Cima Crench)       Bivio q.772 (Selletta appena risaliti dalla galleria a destra c’è la vetta)        Cima Crench q.778 (Sulla cima è posto un cippo con un disco in metallo in onore dell’anno internazionale della montagna del 2002, torniamo sui nostri passi)       Bivio q.772 (Dalla selletta proseguiamo sul CAI 452 scendendo a destra ripidamente nel bosco sul versante opposto)        Cocca d’Idro q.683 (Al termine della ripida discesa nel bosco siamo sulla sella con cartelli: a destra possiamo chiudere il giro tornando a Crone, poco sopra di noi c’è un appostamento di caccia, noi scendiamo a sinistra su sterrata che inizia da questo punto)        Deviazione q.617 (Lasciamo la sterrata che curva a U e continua per Vantone, andiamo dritto su sentiero CAI, cartelli assenti e segni sugli alberi)        Bivio q.660 (Cartelli nel bosco: a destra il sentierino riconduce alla Cocca d’Idro e in precedenza non l’avevamo notato,  andiamo dritto sempre su sentierino CAI 452 nel bosco)        Fienile Meghè q.888 (Casa abbandonata nel bosco, il CAI 452 la bypassa poco sopra e inizia a salire ripidamente)    –    Cocca di Meghè q.968 (Sella e incrocio con cartelli al termine della ripida salita: a sinistra ci sono due sentieri, uno non è segnato mentre l’altro è CAI 451 per il rifugio Cavacca, dalla parte opposta il CAI 451 scende a Crone, noi risaliamo a destra, indicazioni per la vetta)        Monte Croce di Perlè q.1031 (Croce e libro di vetta, torniamo sui nostri passi)        Cocca di Meghè q.968 (Prendiamo il CAI 451 che scende a destra verso Crone)        Bivio q.640 (Cartelli assenti: a sinistra a ritroso un sentiero abbandonato non molto evidente conduce verso i fienili Serè, sbiaditi segni azzurri, teniamo il CAI 451 e in breve ci appare in lontananza il paese di Crone)    –     Bivio q.592 (Attraversiamo uno stretto passaggio nella roccia e siamo al bivio con cartelli: a destra il CAI 451 conduce a Crone, noi andiamo a sinistra per il “Sentiero delle Cascate” che scende ripidamente con tratti scalinati nel bosco)       1° ponte (Inizia la forra del torrente Neco)        2° ponte       3° ponte (Dopo averlo oltrepassato si scendono due scale in ferro)        4° ponte   –     5° ponte       Bivio q.430 (Al termine della discesa usciamo dalla forra del torrente Neco presso una piazzola e gli sbarramenti di contenimento, cartelli assenti. Evitiamo di oltrepassare il ponticello di legno a sinistra e andiamo dritto a destra, dopo poche decine di metri inizia una sterrata e oltrepassiamo una casa/vacanza)        Fienili Coste q.440 (Arriviamo alle case di Coste, tralasciamo la carrozzabile che sale a destra e andiamo dritto in piano)       SP.58 q.418 (Tralasciamo l’asfaltata che sale a destra e scendiamo portandoci sulla strada provinciale, quindi l’attraversiamo iniziando a percorrere la stradina “via Bonaghe” in discesa)    –    Incrocio q.389 (La via Bonaghe continua a sinistra, noi risaliamo a destra pochi metri dove c’è una maestà e siamo nella via Balotello che prendiamo a sinistra in discesa. Si entra nel centro storico di Crone d’Idro e nei meandri dei suoi vicoli, continuiamo a scendere a nostro piacimento, in ogni maniera raggiungeremo il lago d’Idro)       Crone d’Idro q.371 (Usciamo dalla “via Conciliazione” e siamo sulla strada del lungo lago Crone-Vesta, andiamo a destra)        Crone d’Idro q.377 (Arrivo).

DISLIVELLO TOTALE: 900 m
QUOTA MASSIMA: Monte Croce di Perlè q.1031
LUNGHEZZA: 9 km
DIFFICOLTA: EEA

 
NOTE:


Sentieri


- Via ferrata ben attrezzata con cavo d’acciaio, difficoltà medio/facile.
- Cartelli in metallo ad ogni bivio, segnatura sporadica.
- Erroneamente su molte mappe la Cima Crench non è menzionata e viene identificata con il toponimo di Cocca d’Idro.

 
TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Crone d’Idro q.377
0,00
Fienile Meghè
2,23
Bivio q.389
/
Cocca di Meghè
2,35
Bivio q.407
/
Monte Croce di Perlè
2,45
Fienili Preonde
0,10
Cocca di Meghè
/
Bivio q.460
0,12
Bivio q.640
3,29
Bivio q.468
0,13
Bivio q.592
3,38
Ferrata Crench
0,16
1° ponte
3,48
Bivio q.536
0,28
2° ponte
3,50
Cima Cochet
0,55
3° ponte
3,51
Bivio q.637
0,56
4° ponte
3,56
Galleria
1,15
5° ponte
3,58
Bivio q.772
1,16
Bivio q.430
4,02
Cima Crench
1,18
Fienili Coste
4,05
Bivio q.772
/
SP.58
/
Cocca d’Idro
1,28
Incrocio q.389
4,14
Deviazione q.617
1,35
Crone d’Idro q.371
4,19
Bivio q.660
1,40
Crone d’Idro q.377
4,24
  




Crone d’Idro q.377
(Risaliamo la stradina asfaltata “via Preonde”)
Crone d’Idro q.377
(Risaliamo la stradina asfaltata “via Preonde”)
Fienili Preonde q.450 (Fine dell’asfaltata, incrocio di sentieri e cartelli: prendiamo il CAI 452 che inizia a sinistra tra i muri di due case)
Fienili Preonde q.450 (Fine dell’asfaltata, incrocio di sentieri e cartelli: prendiamo il CAI 452 che inizia a sinistra tra i muri di due case)
Bivio q.460 (Cartelli: il sentiero si biforca: a destra prosegue il CAI 452 per la cima Crench, noi andiamo dritto, indicazioni per la ferrata)
Sul sentiero che conduce all’attacco della ferrata

Ferrata Crench q.490 (Inizio della ferrata)
Ferrata Crench q.490 (Inizio della ferrata)
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench (Panorama sul lago d’Idro)

Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench

Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Ferrata Crench
Cima Cochet q.632 (Anche “Punta Pelata”. Fine della ferrata, grande croce di metallo e libro delle firme)
Cima Cochet q.632 (Panorama sul lago d’Idro)

Cima Cochet q.632
(Ora si prosegue su sentierino in falsopiano, direzione est)
Sul sentiero tra la Cima Cochet e Cima Crench  
Galleria q.766 (Postazione della seconda guerra mondiale appena sotto la Cima Crench)
Galleria q.766 (Postazione della seconda guerra mondiale appena sotto la Cima Crench)
Cima Crench q.778 (Sulla cima un cippo con un disco in metallo in onore dell’anno internazionale della montagna del 2002)
Cima Crench q.778 (Panorama sul lago d’Idro)

Ripida discesa nel bosco con il CAI 452 dalla Cima Crench alla Cocca d’Idro
Ripida discesa nel bosco con il CAI 452 dalla Cima Crench alla Cocca d’Idro
Cocca d’Idro q.683 (Al termine della ripida discesa nel bosco siamo sulla sella con cartelli: a destra possiamo chiudere il giro tornando a Crone, poco sopra di noi c’è un appostamento di caccia, noi scendiamo a sinistra su sterrata che inizia da questo punto)
Cocca d’Idro q.683
Deviazione q.617 (Lasciamo la sterrata che curva a U e continua per Vantone, andiamo dritto su sentiero CAI, cartelli assenti e segni sugli alberi)  
Sul CAI 452

Fienile Meghè q.888 (Casa abbandonata nel bosco)
Fienile Meghè q.888 (Casa abbandonata nel bosco)
Fienile Meghè q.888 (Casa abbandonata nel bosco)
Fienile Meghè q.888 (Casa abbandonata nel bosco, il CAI 452 la bypassa poco sopra e inizia a salire ripidamente)
Cocca di Meghè q.968
(Sella e incrocio con cartelli al termine della ripida salita: a sinistra ci sono due sentieri, uno non è segnato mentre l’altro è CAI 451 per il rifugio Cavacca, dalla parte opposta il CAI 451 scende a Crone, noi risaliamo a destra, indicazioni per la vetta)


Monte Croce di Perlè q.1031
Monte Croce di Perlè q.1031
Monte Croce di Perlè q.1031
Monte Croce di Perlè q.1031
Monte Croce di Perlè q.1031 (Panorama)


Con il CAI 451 che scende nel bosco dalla Cocca di Meghè verso Crone d’Idro
Con il CAI 451 che scende nel bosco dalla Cocca di Meghè verso Crone d’Idro
Attraversiamo uno stretto passaggio nella roccia e arriviamo in breve al Bivio q.592
Il “Sentiero delle Cascate” che scende ripidamente con tratti scalinati nel bosco
Il “Sentiero delle Cascate” che scende ripidamente
1° ponte (Inizia la forra del torrente Neco) 

Inizia la forra del torrente Neco   
2° ponte
3° ponte
Scale di ferro dopo avere oltrepassato il 3° ponte
La forra del torrente Neco
Bivio q.430 (Al termine della discesa usciamo dalla forra del torrente Neco presso una piazzola e gli sbarramenti di contenimento, cartelli assenti)

Dal Bivio q.430 evitiamo di oltrepassare il ponticello di legno a sinistra e andiamo dritto a destra, dopo poche decine di metri inizia una sterrata
Fienili Coste q.440 (Arriviamo alle case di Coste, tralasciamo la carrozzabile che sale a destra e andiamo dritto in piano)
SP.58 q.418 (Tralasciamo l’asfaltata che sale a destra e scendiamo portandoci sulla strada provinciale, quindi l’attraversiamo iniziando a percorrere la stradina “via Bonaghe” in discesa)
Attraversiamo i vicoli di Crone d’Idro
Attraversiamo i vicoli di Crone d’Idro
Le cime Cochet e Crench viste da Crone d’Idro





Nessun commento:

Posta un commento