martedì 8 aprile 2014

Cima Capi, Cima Rocca e Rocchetta Giochello (EEA)

La facile ferrata Susatti, con la salita a Cima Capi e Cima Rocca, unita in un lungo itinerario fino raggiungere la Cima Rocchetta Giochello.

DATA: 30 marzo 2014

PARTENZA: Con l’autostrada A22 per il Brennero, si esce al casello di Rovereto sud e si seguono le indicazioni del Lago di Garda, poi arrivati tra Riva del Garda e Arco, seguiamo i cartelli per la Valle di Ledro e oltrepassata la lunga galleria dell’Agnese, in breve siamo a Biacesa. Dall’unico semaforo del paesino, svoltiamo a destra tra le case, che è “via del Dazi”, poi ancora a destra per “via Cipelli” arrivando al piccolo parcheggio di fronte un campetto di calcio (31 km dal casello autostradale, 8 km da Riva del Garda).

Visualizza Cima Capi, Cima Rocca e Rocchetta Giochello in una mappa di dimensioni maggiori

 

 

Stralcio della mappa interattiva Kompass dal sito  http://www.kompass.de/touren-und-regionen/wanderkarte/


ITINERARIO: Biacesa q.418 (Dal piccolo parcheggio torniamo indietro pochi metri e risaliamo con la stradina “via delle Coi” fino al termine, poi a destra con la stradina “via dei Toiane” oltrepassando una fonte, buoni i cartelli CAI)          Bivio q.440 (Bivio della stradina e cartelli CAI: a destra è “via di Cimara” e CAI 472, noi risaliamo a sinistra che è “via Caregna” e CAI 417 oltrepassando una seconda fonte)         Bivio q.460 (Cartelli CAI e piccola fonte sul bivio: a destra prosegue una piccola stradina, noi dritto in salita sul  CAI 417 ora per larga mulattiera lastricata)        Bivio q.480 (Dritto in salita il CAI 417 prosegue su larga mulattiera lastricata per la Chiesa di San Giovanni, noi andiamo a destra per stradello CAI 470, indicazioni per la ferrata Susatti, che in breve termina e prosegue su sentiero in salita, buoni i cartelli CAI e piccola targa raffigurante un caprone “Senter dei Bech”)    –     Bivio q.565 (Cartelli CAI: dritto inizia il CAI 471 o “Sentiero attrezzato delle Laste” per la Chiesa di San Giovanni, noi andiamo a destra tenendo il CAI 470 per sentiero a mezzacosta)      Bivio q.625 (Cartelli CAI e innesto sul CAI 405: a destra scende a Riva del Garda, noi ci teniamo a sinistra in salita e in breve inizia la ferrata Susatti)        Cima Capi q.909 (Bandiera di metallo e libro di vetta. Il CAI 405 scende per sentierino dalla parte opposta e percorre un tratto di crinale panoramico con vecchie trincee e il punto di atterraggio per l’elicottero)        Bivio q.895 (Al termine del crinalino, a sinistra c’è il CAI 460 o “Sentiero attrezzato Foletti” per il bivacco Arcioni e la Chiesa di San Giovanni, noi teniamo il CAI 405 che è il proseguimento del sentiero attrezzato Susatti che inizia a scendere a mezzacosta)       Bivio q.920 (Cartelli CAI: dritto prosegue il CAI 405 o “sentiero attrezzato Susatti” per Bocca d’Enzima e Capanna Santa Barbara, noi risaliamo a sinistra con il CAI 405B per Bocca Pasumer)        Bocca Pasumer q.980 (Bivio con cartelli al termine della risalita dal Bivio q.920: a sinistra c’è il sentiero CAI 471 per Cima Rocca, noi andiamo a destra tenendo il CAI 405B)    –     Bivio q.1000 (Cartelli e innesto sul CAI 417: a sinistra in discesa conduce a Biacesa, noi a destra ora in ripida salita nel bosco che è “Sentiero Rino Zanotti”)       Fonte q.1115 (Tubo con acqua)        Bochet dei Concoli q.1207 (Bivio e cartelli dopo avere oltrepassato una piccola madonnina e il libro delle firme: a destra c’è il raccordo al CAI 404 per Capanna Santa Barbara e Riva del Garda, noi teniamo il CAI 417 che risale a sinistra)       Incrocio q.1446 (Cartelli e selletta sul crinale: dritto a sinistra c’è il CAI 417/A per Cima Valdes, a destra in discesa nel versante opposto c’è il CAI 417/A per Cima Sat e Capanna Santa Barbara, noi risaliamo dritto a destra tenendo il CAI 417, indicazioni per Cima Giochello)       Cima Rocchetta Giochello q.1519 (Sulla vetta un piccolo cartello indica l’errata quota 1540, torniamo sui nostri passi)       Incrocio q.1446 (Ora teniamo il CAI 417/A a sinistra per Cima Sat)         Bivio q.1440 (Innesto sul CAI 413, lo teniamo a destra in ripida discesa nel bosco)       Bivio q.1272 (Al termine della ripida discesa nel bosco oltrepassiamo una vecchia postazione di guerra e c’è il bivio con cartelli, a sinistra c’è il CAI 418 per Cima Sat, noi andiamo dritto sul CAI 413 ora in falsopiano)        Chiesetta di guerra q.1230 (Solo un cartello ci indica che al posto dei pochi sassi esisteva una cappella)       Forcella q.1230 (Il CAI 413 scende dalla parte opposta)        Rudere q.1215 (Edificio diroccato risalente alla grande guerra)       Bivio q.1188 (Cartelli: a destra c’è il CAI 413/A per Bochet dei Concoli, noi teniamo la sinistra sul CAI 413)       Vallone dei Concoli q.1140 (In loco è quotato erroneamente 1100, bivio, cartelli e innesto sul CAI 404: dritto ci sono ancora indicazioni per Bochet dei Concoli, noi iniziamo a scendere ripidamente a sinistra verso Riva del Garda, ignorando dopo pochi metri un cartello che indica una fonte)        Bivio q.873 (Cartelli: a sinistra il CAI 404 prosegue in discesa verso Riva del Garda, noi andiamo dritto ora su CAI 404/A in falsopiano a mezzacosta)        Bivio q.805 (A sinistra a ritroso c’è un sentiero abbandonato con qualche bollo rosso, noi teniamo il CAI 404/A, cartelli assenti)         Bivio q.806 (Cartelli e innesto sul CAI 405: dritto a sinistra in discesa conduce a Riva del Garda, noi dritto a destra in salita con indicazioni per Cima Capi)    –     Bivio q.828 (Un cartello indica a sinistra un sentiero con bolli rossi che conduce alla piazzola per elicottero, noi teniamo il CAI 405 a destra in salita)       Bocca d’Enzima q.880 (Sella panoramica con postazione della grande guerra. Il CAI 405 risale a destra, poi continua su cengia a mezzacosta, è l’inizio del “sentiero attrezzato Susatti”)        Bivio q.920 (Chiudiamo il primo anello, lasciamo il sentiero attrezzato Susatti che riporta a Cima Capi, e risaliamo a destra a Bocca Pasumer con il CAI 405/B già fatto la mattina)    –     Bocca Pasumer q.980 (Siamo tornati a Bocca Pasumer, ora andiamo a sinistra sul CAI 471 attraverso una serie di trincee, indicazioni per Cima Rocca)         Bivio q.985 (A destra in discesa, il cartello indica il CAI 460/B per Biacesa, noi andiamo dritto in salita sul crinale CAI 471 sempre attraverso delle trincee della grande guerra)        Deviazione q.1040 (Lasciamo il CAI 471 che ora s’inoltra in una galleria, e risaliamo ripidamente a sinistra sempre nella trincea attrezzata con cavo metallico, indicazioni del CAI 471/A per la vetta di Cima Rocca)       Cima Rocca q.1089 (Croce in metallo e libro di vetta, ora scendiamo dalla parte opposta su sentiero)        Bivio q.1042 (Ci rinnestiamo sul CAI 471, a destra entra nella galleria e riporta alla Deviazione q.1040 e a Bocca Pasumer, noi lo teniamo in discesa, in seguito si oltrepasseranno altre gallerie della grande guerra)    –     Chiesetta di San Giovanni q.858 (Al termine della ripida discesa da Cima Rocca arriviamo alla Chiesetta di San Giovanni, a sinistra dopo poche decine di metri c’è il bivacco Arcioni, tralasciamo il CAI 471 che ora prosegue in discesa come “sentiero attrezzato delle Laste” e davanti la porta della chiesa iniziamo a scendere con il CAI 417 su larga mulattiera)        Bivio q.835 (A destra sale il sentiero CAI 460/B per Bocca Pasumer, noi teniamo la larga mulattiera CAI 417)        Bivio q.680 (Bivio di larghe mulattiere, a destra sale il CAI 417 per Bochet dei Concoli, noi ci teniamo a sinistra in discesa)       Bivio q.536 (A destra c’è un largo sentiero non segnato, teniamo la larga mulattiera CAI 417 e subito sotto di noi iniziano le prime case di Biacesa)       Bivio q.480 (Chiudiamo il secondo anello)       Bivio q.460       Bivio q.440        Biacesa q.418 (Arrivo al parcheggio).


DISLIVELLO TOTALE: 1650 m
QUOTA MASSIMA: Rocchetta Giochello q.1519
LUNGHEZZA: 14,5 km
DIFFICOLTA: EEA


NOTE:





Sentieri



- Utile una torcia elettrica per attraversare le gallerie di Cima Rocca.
- Il bivacco Arcioni, situato a poche decine di metri dalla Chiesetta di San Giovanni, è un piccolo rifugio in muratura sempre aperto.
- La ferrata Susatti è molto facile e frequentata, il classico giro generalmente termina tornando a Biacesa da Bocca Pasumer, con il prolungamento fino alla Cima Rocchetta Giochello diventa un’escursione completa su tutto il comprensorio ma molto faticosa.
- Ottimi i cartelli CAI posti a ogni bivio.
- In alcune carte Bocca Pasumer è chiamata Bocca Sperone.
- Lungo tutto l’itinerario ci sono numerose testimonianze della grande guerra 1915-18 (gallerie, trincee, postazioni).




Fonti

- Tre fonti a Biacesa lungo la stradina asfaltata alla partenza.
- Fonte a q.1115 sul CAI 417 “sentiero Rino Zanotti” che risale alla Bochet dei Concoli (Tubo con acqua).
- Sorgente facendo una deviazione di 70 metri dal CAI 404 che scende dal Vallone dei Concoli verso Riva del Garda.



TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Biacesa
0,00
Bivio q.1188
4,38
Bivio q.440
0,05
Vallone dei Concoli
4,42
Bivio q.460
0,07
Bivio q.873
5,05
Bivio q.480
0,09
Bivio q.805
5,13
Bivio q.565
0,22
Bivio q.806
5,15
Bivio q.625
1,00
Bivio q.828
5,19
Cima Capi
1,42
Bocca d’Enzima
5,25
Bivio q.895
1,55
Bivio q.920
5,45
Bivio q.920
2,10
Bocca Pasumer
5,55
Bocca Pasumer
2,20
Bivio q.985
5,58
Bivio q.1000
2,29
Deviazione q.1040
6,08
Fonte q.1115
2,47
Cima Rocca
6,15
Bochet dei Concoli
3,00
Bivio q.1042
6,20
Incrocio q.1446
3,40
Chiesetta di San Giovanni
6,50
Cima Rocchetta Giochello
3,55
Bivio q.835
6,52
Incrocio q.1446
/
Bivio q.680
7,08
Bivio q.1440
4,08
Bivio q.536
7,23
Bivio q.1272
4,25
Bivio q.480
7,30
Chiesetta di guerra q.1230
4,30
Bivio q.460
/
Forcella q.1230
4,33
Bivio q.440
/
Rudere q.1215
4,35
Biacesa
7,40



Biacesa q.418 (parcheggio)
Biacesa q.418 (Dal piccolo parcheggio torniamo indietro pochi metri e risaliamo con la stradina “via delle Coi” fino al termine)   
Biacesa q.418 (Dal piccolo parcheggio torniamo indietro pochi metri e risaliamo con la stradina “via delle Coi” fino al termine)     
Biacesa q.418 (Dal piccolo parcheggio torniamo indietro pochi metri e risaliamo con la stradina “via delle Coi” fino al termine)   
Poi andiamo a destra con la stradina “via dei Toiane” oltrepassando una fonte.

Bivio q.460 (Cartelli CAI e piccola fonte sul bivio: a destra prosegue una piccola stradina, noi dritto in salita sul  CAI 417 ora per larga mulattiera lastricata)

Bivio q.480 (Dritto in salita il CAI 417 prosegue su larga mulattiera lastricata per la Chiesa di San Giovanni, noi andiamo a destra per stradello CAI 470, indicazioni per la ferrata Susatti, che in breve termina e prosegue su sentiero in salita, buoni i cartelli CAI e piccola targa raffigurante un caprone “Senter dei Bech”)
Bivio q.480 (cartelli CAI e piccola targa raffigurante un caprone “Senter dei Bech”)
Bivio q.480 (cartelli CAI e piccola targa raffigurante un caprone “Senter dei Bech”)
Sul CAI 470
Biacesa vista dal CAI 470
Sul CAI 470 per sentiero a mezzacosta

Testimonianze della grande guerra sul CAI 470
Testimonianze della grande guerra sul CAI 470
Panorama sul lago in prossimità del Bivio q.625
Panorama sul lago in prossimità del Bivio q.625
Cima Capi vista dal Bivio q.625
La ferrata Susatti che sale a Cima Capi

La ferrata Susatti che sale a Cima Capi
La ferrata Susatti che sale a Cima Capi
La ferrata Susatti che sale a Cima Capi
La ferrata Susatti che sale a Cima Capi
La ferrata Susatti che sale a Cima Capi
Panorama su Riva del Garda

Cima Capi q.909 (Bandiera di metallo e libro di vetta)
Cima Capi q.909 (Bandiera di metallo e libro di vetta)
Panorama su monte Stivo
Panorama da Cima Capi su Cima Rocca

Zoomata sul bivacco Arcioni
Cima Capi q.909 (Il CAI 405 scende per sentierino dalla parte opposta e percorre un tratto di crinale panoramico con vecchie trincee e il punto di atterraggio per l’elicottero)
Crinalino CAI 405 dopo essere scesi da Cima Capi
Crinalino CAI 405 dopo essere scesi da Cima Capi
(alle mie spalle)
Bivio q.895 (Al termine del crinalino, a sinistra c’è il CAI 460 o “Sentiero attrezzato Foletti” per il bivacco Arcioni e la Chiesa di San Giovanni, noi teniamo il CAI 405 che è il proseguimento del sentiero attrezzato Susatti che inizia a scendere a mezzacosta)
Il sentiero attrezzato Susatti inizia a scendere a mezzacosta

Il sentiero attrezzato Susatti inizia a scendere a mezzacosta
Il sentiero attrezzato Susatti inizia a scendere a mezzacosta
Fonte a q.1115 sul CAI 417 “sentiero Rino Zanotti” che risale alla Bochet dei Concoli (Tubo con acqua).
Sul CAI 417 “sentiero Rino Zanotti” che risale
alla Bochet dei Concoli
Sul CAI 417 “sentiero Rino Zanotti” che risale
alla Bochet dei Concoli
Bochet dei Concoli q.1207 (Bivio e cartelli)

Panorama verso Rocchetta Giochello
Postazioni della grande guerra
Sul CAI 417 che da Bochet dei Concoli risale a
Rocchetta Giochello
Sul CAI 417 che da Bochet dei Concoli risale a
Rocchetta Giochello
Sul CAI 417 che da Bochet dei Concoli risale a
Rocchetta Giochello


Cima Rocchetta Giochello q.1519
Cima Rocchetta Giochello q.1519
(Sulla vetta un piccolo cartello indica l’errata quota 1540)   
Cima Rocchetta Giochello q.1519 (panorama sul monte Baldo innevato)   
Cima Rocchetta Giochello q.1519 (torniamo sui nostri passi)   
Sul CAI 413 in discesa nel bosco

Sul CAI 413 in discesa nel bosco
Bivio q.1272
(Al termine della ripida discesa nel bosco oltrepassiamo una vecchia postazione di guerra e c’è il bivio con cartelli)
Arrivo alla Forcella q.1230
Rudere q.1215 (Edificio diroccato risalente alla grande guerra)
Sul CAI 404/A
Bivio q.806 (Cartelli e innesto sul
CAI 405: dritto a sinistra in discesa conduce a Riva del Garda, noi dritto a destra in salita con indicazioni per Cima Capi)

Bocca d’Enzima q.880
(Sella panoramica con postazione della grande guerra)
Bocca d’Enzima q.880
(Sella panoramica con postazione della grande guerra)
Bocca d’Enzima q.880
(Sella panoramica con postazione della grande guerra)
Sul sentiero attrezzato Susatti che inizia dopo pochi minuti da Bocca d’Enzima
Panorama dal sentiero attrezzato Susatti dopo avere lasciato Bocca d’Enzima

Sul sentiero attrezzato Susatti
Sul sentiero attrezzato Susatti
Sul CAI 471 che da Bocca Pasumer, attraverso una serie di trincee, risale a Cima Rocca.
Sul CAI 471 che da Bocca Pasumer, attraverso una serie di trincee, risale a Cima Rocca.
Sul CAI 471 che da Bocca Pasumer, attraverso una serie di trincee, risale a Cima Rocca.
Deviazione q.1040 (Lasciamo il CAI 471 che ora s’inoltra in una galleria, e risaliamo ripidamente a sinistra sempre nella trincea attrezzata con cavo metallico, indicazioni del CAI 471/A per la vetta di Cima Rocca)   

Deviazione q.1040 (Lasciamo il CAI 471 che ora s’inoltra in una galleria, e risaliamo ripidamente a sinistra sempre nella trincea attrezzata con cavo metallico, indicazioni del CAI 471/A per la vetta di Cima Rocca)   
CAI 471/A per la vetta di Cima Rocca
Cima Rocca q.1089 (Croce in metallo e libro di vetta)
Cima Rocca q.1089 (Croce in metallo e libro di vetta)
Cima Rocca q.1089 (Panorama verso la sottostante Bocca d’Enzima)

Cima Rocca q.1089 (Panorama verso Riva del Garda)
Cima Rocca q.1089 (Zoomata su Cima Capi)
Cima Rocca q.1089 (scendiamo dalla parte opposta su sentiero)   
Bivio q.1042 (Ci rinnestiamo sul CAI 471, a destra entra nella galleria e riporta alla Deviazione q.1040 e a Bocca Pasumer, noi lo teniamo in discesa, in seguito si oltrepasseranno altre gallerie della grande guerra)

Gallerie di guerra durante la discesa da Cima Rocca verso la chiesetta di San Giovanni
Gallerie di guerra durante la discesa da Cima Rocca verso la chiesetta di San Giovanni
Chiesetta di San Giovanni q.858 (Al termine della ripida discesa da Cima Rocca si arriva alla Chiesetta di San Giovanni)
Chiesetta di San Giovanni q.858 (Al termine della ripida discesa da Cima Rocca si arriva alla Chiesetta di San Giovanni)
Il bivacco Arcioni e in lontananza la sagoma di Cima Capi
Interno del bivacco Arcioni

4 commenti:

  1. bellisimo il vostro blog! io e la mia morosa abbiamo seguito i vostri itinerari sul catria! grazie!

    RispondiElimina
  2. Sabato seguiamo il tuo consiglio e ripetiamo questa uscita.

    RispondiElimina
  3. Bravi, il comprensorio del lago di Garda è sempre molto bello, come probabilmente sai la ferrata è molto semplice ma l'intero itinerario che ho fatto è abbastanza faticoso ! ! Auguri

    RispondiElimina