mercoledì 25 giugno 2014

Dalla diga del lago Paduli al monte Sillara (EE)

DATA: 1 giugno 2014

PARTENZA: Con l’autostrada A15 Parma-La Spezia, usciamo ad Aulla e prendiamo la SP.665 in direzione di Parma. Scesi dal passo del Lagastrello e 50 metri prima di arrivare al ponte presso la diga del lago Paduli, a sinistra inizia il sentiero CAI 703/C.



Visualizza Dalla diga del lago Paduli al monte Sillara in una mappa di dimensioni maggiori


Stralcio della mappa interattiva dal sito http://www.parcoappennino.it/


ITINERARIO: Partenza q.1163 (Cartelli indicano il sentiero CAI 703/C in salita nel bosco per il lago Squincio)    –     Lago Squincio q.1239 (Al termine della salita nel bosco usciamo in una radura, se la oltrepassiamo dalla parte opposta, c’è il lago Squincio che da qui non è visibile e il CAI 703, noi invece andiamo a sinistra dove inizia la forestale CAI 00)    –     Passo del Lagastrello q.1198 (Innesto sulla strada asfaltata che in questo punto fa un bivio: a sinistra riporta alla diga, dalla parte opposta della strada il cartello indica il paese di Fivizzano, noi andiamo dritto in discesa verso Aulla)        Deviazione q.1158 (Sulla curva a U lasciamo la strada asfaltata e iniziamo il sentiero CAI 110 che in breve entra nel bosco per poi virare a sinistra e oltrepassare un canale asciutto, cartello e segni sporadici e sbiaditi)       Bivio q.1316 (Dopo poche decine di metri avere oltrepassato un canalino detritico c’è il bivio, dritto il sentiero curva a destra in falsopiano e non è segnato, il CAI 110 curva a destra in salita su crinalino nel bosco)      Bivio q.1351 (Il sentierino lascia il crinalino e si biforca: a destra non è segnato, il CAI 110 va a sinistra in falsopiano)       Fosso q.1394 (Facile guado)        Fine bosco q.1535 (Usciamo dal bosco e siamo sotto il crinale roccioso che collega Foce Branciola a Cima Canuti, ora il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita con direzione est)     –     Foce Branciola q.1682 (Sella erbosa di crinale e cartelli, innesto sul CAI 00: a destra il crinale roccioso risale verso Cima Canuti, a sinistra a mezzacosta inizia il CAI 112 per Tavernelle, noi risaliamo a sinistra su verde crinale che è CAI 00)    –      Monte Bocco q.1790 (Grande omino di sassi sulla cima, cartelli e bivio: a sinistra con direzione sud il crinale scende verso Tavernelle ed è CAI 112, noi scendiamo su crinale con direzione nord/ovest tenendo il CAI 00)         Monte Uomo Morto q.1772     –    Passo del Giovarello q.1753 (Sella di crinale e incrocio con cartelli: a sinistra scende il CAI 114, a destra scende il CAI 705 al vicino laghetto Martini, noi teniamo il CAI 00 su crinale)        Monte Bragalata q.1835 (Piccola targa sulla vetta che è praticamente un anticima del monte Losanna)        Monte Losanna q.1856 (Piccola targa e cippo dell’IGM)       Passo di Compione q.1794 (Cartelli: a sinistra scende il CAI 116, a destra scende il CAI 709 per i laghi di Compione, noi teniamo il CAI 00 di crinale)    –     Monte Sillara q.1861 (Piccola croce e maestà sulla vetta, appena li abbiamo oltrepassati lasciamo il crinale CAI 00 e scendiamo a destra con traccia CAI 711/D che conduce ai sottostanti e ben visibili laghi di Sillara, cartello indica il bivio, segni assenti)    –     Bivio q.1772 (Poco prima di arrivare ai laghi, un cartello indica a sinistra la traccia poco evidente e non segnata CAI 711/C per la Sella di Rocca Pianaccia, noi andiamo ai laghi)      Laghi di Sillara q.1731 (Oltrepassiamo i due grandi laghi sul lato sinistro, poi la traccia termina. Proseguiamo a vista e senza sentiero tra roccette e minuscoli pini mughi cercando di non perdere quota e tenendoci con direzione est paralleli al soprastante crinale CAI 00)        CAI 709 q.1693 (Innesto sul CAI 709 e cartelli: a destra risale al passo di Compione e al crinale CAI 00, noi andiamo dritto)       Laghi di Compione q.1681 (Due piccoli laghetti d’origine glaciale chiamati anche laghi di Grotta. Il sentierino CAI prosegue bypassando il più grande dei due mantenendosi in falsopiano, segni sporadici e sbiaditi)       Sella q.1743 (Ci arriviamo dopo una ripida salita, ora il sentierino CAI prosegue in falsopiano)    –     Lago Martini q.1714 (Arriviamo al minuscolo lago con il sentierino a tratti incerto, innesto sul CAI 705, a destra risale al passo del Giovarello, noi lo teniamo a sinistra)        Bivio q.1685 (Il bivio è poco segnalato, noi continuiamo sul CAI 705 in direzione est, a sinistra invece scende il CAI 707 per Capanna Cagnin)       Sella q.1645 (Siamo sotto il monte Torricella, il CAI 705 scende dalla parte opposta del crinale)       Radura q.1551 (Appena passata una piccola fonte usciamo dal bosco in una radura, il CAI 705 continua in discesa subito sotto la stessa)        Skilift q.1525 (Gli passiamo sotto, dalla parte opposta il largo CAI 705 prosegue su largo sentiero che s’innesta subito in una pista da sci che seguiremo in discesa)       Prato Spilla q.1353 (Impianti di risalita invernali e rifugio/albergo, ci portiamo nel piazzale adibito a parcheggio dove dritto inizia l’asfaltata, a destra una carrozzabile, possiamo prendere una delle due indifferentemente perché entrambe si riuniscono poco sotto e da questo punto sulla destra inizia il CAI 703 in salita, cartello)       Bivio q.1416 (Cartelli: a destra c’è il CAI 703/B, noi andiamo dritto sul CAI 703 su mulattiera. Dopo pochi metri i segni del CAI 703 deviano a destra, comunque anche tenendo la mulattiera, si arriva al lago Verderolo)        Lago Verdarolo q.1388 (Una sterrata lo aggira a destra, il sentiero CAI 703 lo aggira a sinistra con sentierino, è indifferente. Dalla parte opposta si riuniscono e la sterrata scende come CAI 701 o“Strada della Bastia”, noi teniamo il CAI 703 per sentiero)       Lago Scuro q.1388 (Il CAI 703 aggira il lago dall’alto fino a scendere sulla riva, da qui inizia a salire ripidamente nel bosco)        Passo Sasseda q.1476 (A volte è quotato erroneamente q.1512 facendo riferimento alla quota del promontorio vicino. Bivio e cartelli al termine della ripida salita nel bosco: a destra la dorsale alberata CAI 00 risale al monte Malpasso, noi scendiamo ripidamente dalla parte opposta sul CAI 703)     –      Lago Squincio q.1239 (Aggiriamo il lago ridotto ormai a torbiera ritornando alla sottostante radura e chiudendo di fatto l’anello, riprendiamo il CAI 703/C fatto in mattinata)      Arrivo q.1163.

 
DISLIVELLO TOTALE: 1350 m
QUOTA MASSIMA: Monte Sillara q.1861
LUNGHEZZA: 21 km
DIFFICOLTA: EE

 
NOTE:

Sentieri


- Buona la segnaletica a ogni bivio, mentre la segnatura è scarsa e sbiadita.

Fonti
- Fonte (tubo con acqua) sul CAI 705 che scende a Prato Spilla in prossimità della Radura q.1551.
 

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Partenza q.1163
0,00
Laghi di Sillara
3,55
Lago Squincio
0,10
CAI 709 q.1693
4,13
Passo del Lagastrello
0,32
Laghi di Compione
4,17
Deviazione q.1158
0,40
Sella q.1743
4,30
Bivio q.1316
1,05
Lago Martini
4,45
Bivio q.1351
1,10
Bivio q.1685
4,49
Fosso q.1394
1,18
Sella q.1645
4,56
Fine bosco q.1535
1,35
Radura q.1551
5,08
Foce Branciola
2,00
Skilift
5,13
Monte Bocco
2,12
Prato Spilla
5,23
Monte Uomo Morto
2,21
Bivio q.1416
5,43
Passo del Giovarello
2,45
Lago Verdarolo
5,48
Monte Bragalata
3,00
Lago Scuro
6,00
Monte Losanna
3,07
Passo Sasseda
6,20
Passo di Compione
3,15
Lago Squincio
6,55
Monte Sillara
3,45
Arrivo q.1163
7,05
Bivio q.1772
3,50





 
Partenza q.1163 (Cartelli indicano il sentiero CAI 703/C in salita nel bosco per il lago Squincio)
Partenza q.1163 (Cartelli indicano il sentiero CAI 703/C in salita nel bosco per il lago Squincio)
Il sentiero CAI 703/C in salita nel bosco per il lago Squincio
Lago Squincio
Lago Squincio
Forestale CAI 00

Passo del Lagastrello q.1198 (Innesto sulla strada asfaltata che in questo punto fa un bivio: a sinistra riporta alla diga, dalla parte opposta della strada il cartello indica il paese di Fivizzano, noi andiamo dritto in discesa verso Aulla)    
Passo del Lagastrello q.1198 (Innesto sulla strada asfaltata che in questo punto fa un bivio: a sinistra riporta alla diga, dalla parte opposta della strada il cartello indica il paese di Fivizzano, noi andiamo dritto in discesa verso Aulla)    
In discesa verso Aulla
Deviazione q.1158 (Sulla curva a U lasciamo la strada asfaltata e iniziamo il sentiero CAI 110 che in breve entra nel bosco)
CAI 110
CAI 110

Fosso q.1394 (Facile guado)   
Fine bosco q.1535 (Usciamo dal bosco e siamo sotto il crinale roccioso che collega Foce Branciola a Cima Canuti, ora il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita con direzione est)
Fine bosco q.1535 (Usciamo dal bosco e siamo sotto il crinale roccioso che collega Foce Branciola a Cima Canuti, ora il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita con direzione est)
Il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita
con direzione est
Il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita
con direzione est
Il CAI 110 prosegue a mezzacosta in leggera salita
con direzione est

Arrivo alla Foce Branciola
Arrivo alla Foce Branciola
Foce Branciola q.1682 (Sella erbosa di crinale e cartelli)
Cippi alla Foce Branciola
Foce Branciola q.1682 (Sella erbosa di crinale e cartelli, innesto sul CAI 00: a destra il crinale roccioso risale verso Cima Canuti, a sinistra a mezzacosta inizia il CAI 112 per Tavernelle, noi risaliamo a sinistra su verde crinale che è CAI 00)

Monte Bocco q.1790 (Grande omino di sassi sulla cima)   
Cartelli sul monte Bocco
Monte Bocco q.1790 (Scendiamo su crinale con direzione nord/ovest tenendo il CAI 00)  
Monte Bocco q.1790 (Scendiamo su crinale con direzione nord/ovest tenendo il CAI 00)    
CAI 00

Panorama sul ripido versante toscano sotto di noi
CAI 00
In prossimità di arrivare al passo del Giovarello, poco sotto c’è il laghetto Martini
Panorama dal CAI 00 in prossimità di arrivare
 al passo del Giovarello
Il laghetto Martini poco sotto di noi
CAI 00

Fiori
Fiori
Monte Bragalata (dietro di me c’è il monte Losanna)
Monte Bragalata
Tra monte Bragalata e monte Losanna
Cippo dell’IGM sul monte Losanna

Discesa dal monte Losanna al passo di Compione
Laghi di Compione
Sul CAI 00 in vista del monte Sillara
Sul CAI 00 (i laghi di Sillara sotto di noi)

Sul CAI 00 (i laghi di Sillara sotto di noi)
Sul CAI 00 che conduce al monte Sillara
Sul CAI 00 che conduce al monte Sillara
Sul CAI 00 che conduce al monte Sillara
Salita finale alla vetta

Monte Sillara q.1861 (Piccola croce e maestà sulla vetta)
Monte Sillara q.1861 (Piccola croce e maestà sulla vetta)
Discesa ai sottostanti laghi di Sillara
Ai laghi di Sillara
Ai laghi di Sillara
Ai laghi di Sillara

Dai laghi di Sillara proseguiamo a vista e senza sentiero tra roccette e minuscoli pini mughi cercando di non perdere quota e tenendoci con direzione est paralleli al soprastante crinale CAI 00
Arrivo ai laghi di Compione
Salita finale alla Sella q.1743
Sella q.1743 (Ci arriviamo dopo una ripida salita)
Sella q.1743 (Zoomata al sottostante lago Verde)
Sella q.1743 (Ci arriviamo dopo una ripida salita, ora il sentierino CAI prosegue in falsopiano)

Sella q.1743 (Ci arriviamo dopo una ripida salita, ora il sentierino CAI prosegue in falsopiano)
Il laghetto Martini
Dal laghetto Martini proseguiamo con il CAI 705
Sella q.1645 (Siamo sotto il monte Torricella)
Pista da sci

Prato Spilla
Prato Spilla
CAI 703
CAI 703
Lago Verdarolo
CAI 703
Lago Scuro
Passo Sasseda q.1476

3 commenti:

  1. Ciao,
    hai segnato il giro come EE per tratti esposti o difficoltosi o per la lunghezza?

    RispondiElimina
  2. La difficoltà EE viene data per lunghezza del giro (21 km), dislivello totale (1350 metri) e tempo totale di percorrenza escluso soste (7 ore),la parte più difficoltosa non è l'andata che si svolge su crinale (poco esposto), ma il ritorno dal lago di Sillara fino al lago di Martini (esile traccia a mezzacosta non segnata) e da Pratospilla fino all'auto (in data 2014 il CAI 703 è poco segnato, qualche problema di orientamento nel bosco dopo il lago Verdarolo(Se hai un GPS ovviamente scarichi la mia traccia e risolvi tutti i problemi !!)

    RispondiElimina
  3. Se ho ben capito le difficoltà maggiori in questo giro sono di tipo orientativo... scaricherò la tua traccia. Grazie!

    RispondiElimina