domenica 3 febbraio 2013

Dal rifugio Bertagnoli al passo di Campogrosso EEA

Trekking di 2 giorni nelle piccole dolomiti. Il 1°giorno dal passo Campogrosso attraverso il Fumante, Zevola e Tre Croci, il 2° giorno la ferrata Viali al monte Gramolon (eventualmente la si può evitare) e ritorno per il rifugio Battisti (EE il 1° giorno, EEA il 2° giorno)  Vai al 1°giorno
 

DATA:  27 giugno 2011

PARTENZA: Rifugio Bertagnoli q.1248 ( Il rifugio è anche raggiungibile in auto: se si arriva in autostrada, bisogna uscire al casello di Montecchio Maggiore per chi arriva da Venezia e si percorre la Statale 11 in direzione  Arzignano-Chiampo. Per chi arriva da Milano l'uscita è il casello Montebello, seguire l’ indicazione per Montebello Vicentino-Arzignano-Chiampo, in prossimità di Montebello Vicentino, alla rotonda, continuare sulla SP31. Arrivati ad Arzignano, proseguire prima in direzione Chiampo, poi Crespadoro e infine in località Ferrazza, svoltare a destra prima dell'omonima Trattoria in direzione Campodalbero. Da li si può facilmente raggiungere il rifugio in macchina, o a piedi. Lungo l'ultimo tratto di strada salendo sulla sinistra, ci sono dei parcheggi per le auto).

Carta topografica scala 1:25000 Pasubio-Carega foglio 1 (sezioni vicentine del CAI)

ITINERARIO: Rifugio Bertagnoli q.1248  (Riprendiamo il CAI 221 fatto il giorno prima)         Ferrata Viali q.1275 ( Lasciamo il CAI 221, un cartello indica a destra la ferrata che inizia dopo poche decine di metri)         CAI 202 q.1575 (Fine della ferrata Viali e innesto sullo stradello CAI 202: a sinistra porta al passo della Scagina, a destra verso il rifugio Bertagnoli, noi l’attraversiamo e saliamo per sentiero CAI 211, un cartello indica la ferrata Ezio Ferrari e Cima Gramolon)     Bivio q.1611 ( Dritto a destra in leggera salita prosegue il CAI 211 per la vetta del Gramolon, noi dritto a sinistra in leggera discesa, in pochi minuti l’esile sentierino tra l’erba alta arriva all’attacco della ferrata Ezio Ferrari)         Quota 1655 ( Fine della ferrata Ezio Ferrari, andiamo a sinistra per esile traccia in falsopiano nell’erba)         CAI 211 q.1668 ( Dopo due minuti dalla fine della ferrata ci innestiamo sul CAI 211 che avevamo lasciato al bivio q.1611, ora lo teniamo in salita fino alla vetta)         Cima Gramolon q.1814 (Grande croce di metallo sulla vetta, ora si scende proseguendo con il CAI 211 con direzione nord/ovest)         Bivio q.1626 ( Innesto sullo stradello CAI 202, di fronte a noi c’è la malga abbandonata di Fraselle di Sopra, andiamo a destra)         Bivio q.1630 (Appena prima di arrivare a malga Fraselle di Sopra lasciamo il largo CAI 202 e saliamo a destra con il CAI 121 che in pochi minuti arriva al passo Ristele)     –    Passo Ristele q.1641 (Dalla parte opposta poi si inizia a scendere ripidamente a zig-zag con sentierino ghiaioso)         Bivio q.1240 ( Innesto sul CAI 120 e cartelli alla fine della lunga e ripida discesa dal passo Ristele: dritto si va verso Val Creme, noi per CAI 120 a sinistra su sterrata in falsopiano)        Rifugio Battisti q.1265 (Sotto il rifugio prendiamo la strada asfaltata)         Deviazione q.1244 (Sulla curva a gomito dell’asfaltata con area parcheggio inizia il CAI 105, noi invece terminiamo la curva della strada e sulla sinistra un cartello indica il CAI 143 che scende)       Asfaltata q.1179 ( Ritorniamo sulla strada, la prendiamo a sinistra)    –     Deviazione q.1162 ( Lasciamo l’asfaltata, il CAI 143 sale a sinistra per carrozzabile poi immediatamente appena quest’ultima curva il CAI 143 scende per sentiero)          Malga Langarte q.1145 ( Piccola malga ristrutturata appena usciti dal bosco, proseguiamo con la carrozzabile e prima che questa curvi a gomito a destra noi proseguiamo dritto con il CAI 143 su largo sentiero a sinistra)     –     Fosso di Pelegatta q.1140 (Con fonte abbeveratoio)          Capanno q.1166 (Appena oltrepassato un piccolo capanno di caccia il CAI 143 si innesta su uno stradello, lo prendiamo a sinistra in salita)       Maestà dei Sentieri q.1210 (Bivio: a sinistra c’è il CAI 105 che porta al Vajo Scuro e il rifugio Battisti, noi teniamo il CAI 143 a destra)        Malga Canaste q.1087 (Bivio: a destra carrozzabile in discesa, noi andiamo a sinistra in piano con carrozzabile ricoperta di erba e in breve siamo alla piccola malga Canaste, da qui il CAI 143 prosegue per sentiero)         Malga Lorpodo q.1120 (Malga abbandonata caratterizzata da un intonaco rosato. Tralasciamo la carrozzabile di accesso alla nostra destra, oltrepassiamo l’edificio e la radura erbosa al termine della quale prosegue il CAI 143 nel bosco)         Torrente Rotolon q.1140         Bivio q.1149 (Sul bivio un piccolo casotto in legno adibito al monitoraggio della frana del monte Rotolon. Lasciamo il CAI 143 che prosegue per forestale e saliamo ripidamente a sinistra con il CAI 143/A)    –     Buse Scure q.1475 (Ci innestiamo sul CAI 157 del giorno prima, andiamo a destra)          Bivio q.1455 ( Tralasciamo a destra il sentiero dell’ Anello Storico)       Passo Campogrosso q.1453.

DISLIVELLO TOTALE: 1330 m
QUOTA MASSIMA: Cima Gramolon q.1814
LUNGHEZZA:11,7 km
DIFFICOLTA : EEA

NOTE:




 Sentieri



- La ferrata Viali è di media difficoltà, attrezzata con pioli, scale e fune. Al suo termine ci si innesta su largo CAI 202 che lasciamo immediatamente per salire con il CAI 211 che porta fino alla vetta del Gramolon. Da qui possiamo evitare un tratto del CAI 211 facendo la ferrata Ezio Ferrari, non molto lunga ma che richiede forza di braccia.
- Sporadica segnatura lungo i sentieri, buoni i cartelli posti ad ogni bivio.
- Attenzione in prossimità del Torrente Rotolon dove il CAI 143 è meno evidente e sono frequenti delle frane.


Fonti

- Fontana a malga Langarte.
- Fonte abbeveratoio al Fosso di Pelegatta.

          

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Rifugio Bertagnoli
0,00
Asfaltata q.1179
3,36
Ferrata Viali
0,10
Deviazione q.1162
3,39
CAI 202 q.1575
1,17
Malga Langarte
3,45
Bivio q.1611
1,23
Fosso di Pelegatta
3,50
Quota 1655
1,40
Capanno q.1166
3,58
CAI 211 q.1668
1,42
Maestà dei Sentieri
4,04
Cima Gramolon
2,00
Malga Canaste
4,23
Bivio q.1626
2,21
Malga Lorpodo
4,31
Bivio q.1630
2,24
Torrente Rotolon
4,48
Passo Ristele
/
Bivio q.1149
4,57
Bivio q.1240
3,10
Buse Scure
5,42
Rifugio Battisti
3,26
Bivio q.1455
/
Deviazione q.1162
3,31
Passo Campogrosso
5,54


 

Rifugio Bertagnoli
Rifugio Bertagnoli
Sul CAI 221
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon

La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
La ferrata Viali al Gramolon
(zoomata verso il rifugio Bertagnoli)

Al termine della ferrata Viali al Gramolon
Al termine della ferrata Viali al Gramolon
Sul CAI 202 q.1575 
Targa della ferrata Ezio Ferrari
Sul CAI 211 verso l’attacco della ferrata Ezio Ferrari
Sul CAI 211 verso l’attacco della ferrata Ezio Ferrari

La ferrata Ezio Ferrari
La ferrata Ezio Ferrari
La ferrata Ezio Ferrari
La ferrata Ezio Ferrari
Salita finale con il CAI 211 alla vetta del Gramolon
Salita finale con il CAI 211 alla vetta del Gramolon

Monte Gramolon
Monte Gramolon
Monte Gramolon ( la campana sulla croce)
Monte Gramolon
Discesa da Monte Gramolon verso Fraselle di Sopra
Discesa da Monte Gramolon verso Fraselle di Sopra

Discesa da Monte Gramolon verso Fraselle di Sopra
Il CAI 121 che scende ripidamente dal passo Ristele
Il CAI 121 che scende ripidamente dal passo Ristele
Il CAI 121 che scende ripidamente dal passo Ristele
Il rifugio Battisti
Il rifugio Battisti

Sull’asfaltata dopo avere lasciato il rifugio Battisti
Sul CAI 143
Malga Langarte
Malga Langarte
Fonte al Fosso di Pelegatta
Madonna dei Sentieri sul Bivio q.1210

Madonna dei Sentieri sul Bivio q.1210
Madonna dei Sentieri sul Bivio q.1210
Arriviamo a Malga Canaste
Malga Canaste
Malga Lorpodo
Malga Lorpodo


La radura dopo avere passato Malga Lorpodo
Monte Rotolon
Tratti franati verso il torrente Rotolon
Al Bivio q.1149 (casotto in legno adibito al monitoraggio della frana del monte Rotolon)
Ponticello sul CAI 143/A



Nessun commento:

Posta un commento