domenica 19 ottobre 2014

Dalle Cascate di Fanes al Col Bechei (EE-EEA)

Lungo e faticoso itinerario che unisce la spettacolare cascata di Fanes (percorsa dalla facilissima ferrata Giovanni Barbara) , alla salita del Col Bechei passando per il lago di Limo.

DATA: 14 agosto 2014

PARTENZA: Da Cortina d’Ampezzo, prendiamo la statale di Alemagna per il passo Cimabanche e Dobbiaco, oltrepassiamo il paese di Fiames proseguendo per altri 4 km finchè la statale non curva a gomito a destra, la lasciamo e andiamo a sinistra sulla stradina che termina dopo poche decine di metri al piazzale in località Sant’Uberto dove ci sono le indicazioni anche per il rifugio Ra Stua (8 km da Cortina d’Ampezzo).




Stralcio della mappa interattiva Kompass dal sito  http://maps.kompass.at


ITINERARIO: Sant’Uberto q.1449 (Dal grande piazzale, incrocio di sentieri, prendiamo la forestale chiusa da sbarra che inizia a scendere a sinistra dove c’è un casottino di legno)         Bivio q.1435 (Bivio della forestale, cartelli assenti, la teniamo a sinistra in discesa)         Bivio q.1405 (La forestale curva a gomito a destra e risale, noi andiamo dritto con la forestale che oltrepassa un largo ponte)       Bivio q.1400 (Bivio con cartelli appena oltrepassato il largo ponte: a destra sale il sentiero CAI senza numerazione per Antruiles che sarà il nostro ritorno, noi andiamo dritto con la forestale)        Pian de Loa q.1365 (Radura con casetta in muratura e ponte)       Bivio q.1360 (Bivio della forestale appena oltrepassata la casetta di Pian de Loa: a sinistra conduce a Fiames e Pian de Ra Spines, noi andiamo a destra con indicazioni per le cascate, in breve si oltrepassa una fonte e la forestale si riduce a sentiero)    –     Belvedere q.1476 (Terrazza panoramica sulla cascata di Fanes. Appena prima della terrazza, scendiamo ripidamente a sinistra nello stretto canalone con sentiero scalinato a zig-zag che ci conduce al Rio di Fanes. Giunti sul fondo, tralasciamo una passerella che lo attraversa dove c’è la ferrata Lucio Delaiti e proseguiamo inoltrandoci nel canalone alla destra della cascata dove inizia, nel nostro caso, la ferrata Giovanni Barbara)      Ferrata G. Barbara (Risale con fune e pioli una paretina alta pochi metri, poi prosegue nel canalone e tralasciando dei segni CAI a destra, si risale a sinistra un canalino fino a una stretta forcellina, dalla parte opposta su cengia si passa sotto la cascata)      Forestale q.1467 (Passati sotto la cascata e percorsa la cengia attrezzata, termina la ferrata innestandoci sulla forestale con cartelli, noi la lasciamo subito e risaliamo a destra con il sentiero CAI 10 “Scorciatoia”)    –     Bus de l’Orso q.1507 (Bivio e cartelli: a destra “Sentiero delle cascate”, noi andiamo dritto in salita con il CAI 10)    –    Forestale q.1679 (Località Pian dai Sente, innesto sulla forestale, il CAI 10 la tiene a destra)        Sbarco di Fanes q.1746 (Bivio e cartelli: a destra  in discesa inizia il sentiero attrezzato per la “Cascata Alta”, noi teniamo la forestale)        Bivio q.1758 (Cartelli assenti: a destra una carrareccia attraversa in breve un largo ponte per il “Pian dei Straerte”, noi teniamo la forestale CAI 10)    –    Lago di Fanes q.1834 (Lo aggiriamo, poi si attraversa con ponticello)     Pantane q.1836 (Radura erbosa e recinzione con cartelli) – Bivio q.2050 (Cartelli: dritto a sinistra prosegue la forestale per malga di Fanes Grande, noi teniamo il CAI 10 che va dritto a destra ora per sentiero in salita)       Forestale q.2126 (Innesto sulla forestale, a sinistra scende a malga Fanes Grande, noi la teniamo a destra in salita)       Bivio q.2150 (Cartelli: a sinistra c’è il sentiero CAI 11, alla nostra destra c’è una casermetta abbandonata, teniamo la forestale che oltrepassa un minuscolo stagno)        Lago di Limo q.2159 (Cartelli e deviazione: lasciamo la forestale e prendiamo il sentiero CAI 418 che aggira la riva sud del lago, poi inizia a salire ripidamente, indicazioni per il Col Bechei)    –    Fonte q.2378 (Tubo con acqua)       Sella q.2565 (Cartelli e bivio: lasciamo il CAI 418 e risaliamo a sinistra, nord/est, con tracciato segnato dal CAI che termina alla cima del Col Bechei, da qui vediamo la croce)        Col Bechei q.2794 (Grande croce e libro delle firme, torniamo sui nostri passi)        Sella q.2565 (Ora riprendiamo il CAI 418, la segnatura diventa sporadica o assente, il sentiero prosegue a mezzacosta sotto il versante sud del Col Bechei, direzione est)        Sella q.2603 (Il CAI 418 scavalla la Sella quotata 2603 m sulle mappe e prosegue a mezzacosta, in breve si arriva a un grandioso circolo detritico)         Deviazione q.2567 (Oltrepassato il circolo detritico, si arriva sotto il punto quotato 2580 m sulle mappe, il CAI 418 inizia a scendere ripidamente nella vallata, subito tra ampi spazi, poi un tratto intermedio tra i mughi, e la parte finale nella vallata detritica, sporadici segni del CAI e omini di sasso aiutano)      Ruoibes de Fora (Terminata la discesa, il CAI 418 comincia a percorrere in falsopiano la grande vallata detritica, in seguito dopo 30/40 minuti si restringe e nasce un torrente, non riusciamo più a proseguire lungo la sponda ostruita dalla vegetazione, cominciamo a risalire a destra senza traccia e in faticosa risalita nel pendio ostruito dalla vegetazione, poi scavalliamo dalla parte opposta, iniziando a scendere, direzione est)       Largo sentiero q.1530 (Ci innestiamo sul largo sentiero CAI senza numerazione, a sinistra conduce al Cason de Antruiles, noi lo teniamo a destra, in breve si restringe a sentiero e dopo una breve salita inizia a scendere)        Bivio q.1400 (Chiudiamo l’anello, ora rifacciamo il tragitto della mattinata)        Bivio q.1405     –     Bivio q.1435        Sant’Uberto q.1449.
                   
DISLIVELLO TOTALE: 1700 m
QUOTA MASSIMA: Col Bechei q.2794
LUNGHEZZA: 21 km
DIFFICOLTA: EE-EEA
 


NOTE:









Sentieri



- La difficoltà EEA viene data solo per la ferrata Giovanni Barbara, estremamente facile e corta, molto spettacolare il passaggio sotto la cascata, particolarmente adatta a principianti e bambini opportunamente assicurati.

- Itinerario molto lungo e faticoso, riservato a escursionisti in ottime condizioni fisiche, nel complesso è molto vario e può riassumersi così:
- molto spettacolare la ferrata Giovanni Barbara alla cascata di Fanes,
- monotona la lunga salita con la forestale CAI 10 verso il passo di Limo,
- molto frequentato il lago di Limo e il comprensorio delle malghe di Fanes,
- ambiente d’alta montagna sul Col Bechei,
- bellissimo e solitario il CAI 418 di ritorno.

- Per disattenzione abbiamo perso il CAI 418 nel vallone detritico del Ruoibes de Fora dove noi abbiamo continuato a seguirlo fedelmente, ricontrollando la traccia del GPS sulla mappa, probabilmente il sentiero a un certo punto lo lasciava entrando nel bosco a sinistra e standogli  parallelo. Continuato erroneamente nel greto detritico (segni assenti), con la nascita del torrente non era più possibile procedere, da qui la decisione della faticosa risalita sul bordo destro completamente fuori traccia, per andarmi a innestare aiutato dal GPS sul sentiero CAI del Cason de Antruiles. In conclusione consiglio, una volta iniziato a percorrere la vallata detritica, di prestare attenzione sul lato sinistro per il proseguo del CAI 418 che dovrebbe condurre al Cason de Antruiles.


Fonti
- Fonte a Pian de Loa.
- Fonte sul ripido sentiero che dal Belvedere scende al Rio Fanes.
- Fonte q.2378 sul CAI 418 che risale dal lago di Limo.



TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
TEMPI RILEVATI:
Tempo
Totale (ore)
Sant’Uberto
0,00
Forestale q.2126
2,40
Bivio q.1435
0,04
Bivio q.2150
2,44
Bivio q.1405
0,11
Lago di Limo
2,50
Bivio q.1400
0,12
Fonte q.2378
3,20
Pian de Loa
0,18
Sella q.2565
3,45
Bivio q.1360
0,19
Col Bechei
4,10
Belvedere q.1476
0,40
Sella q.2565
4,32
Ferrata G. Barbara
/
Sella q.2603
4,45
Forestale q.1467
1,05
Deviazione q.2567
5,00
Bus de l’Orso
1,10
Ruoibes de Fora
/
Forestale q.1679
1,25
Largo sentiero q.1530
7,05
Sbarco di Fanes
1,35
Bivio q.1400
7,25
Bivio q.1758
1,40
Bivio q.1405
/
Lago di Fanes
1,55
Bivio q.1435
/
Pantane
2,00
Sant’Uberto
7,40
Bivio q.2050
2,30







Sant’Uberto q.1449 (Dal grande piazzale, incrocio di sentieri, prendiamo la forestale chiusa da sbarra che inizia a scendere a sinistra dove c’è un casottino di legno)   
Sant’Uberto q.1449 (Dal grande piazzale, incrocio di sentieri, prendiamo la forestale chiusa da sbarra che inizia a scendere a sinistra dove c’è un casottino di legno)   
Forestale
Bivio q.1405 (La forestale curva a gomito a destra e risale, noi andiamo dritto con la forestale che oltrepassa un largo ponte)  
Pian de Loa
Pian de Loa

                Crocefisso a Pian de Loa
Bivio q.1360 (Andiamo a destra con indicazioni per le cascate e la forestale si riduce a sentiero)
Verso la cascata
Belvedere q.1476 (Terrazza panoramica sulla cascata di Fanes)
La cascata di Fanes
Belvedere q.1476 (Appena prima della terrazza, scendiamo ripidamente a sinistra nello stretto canalone con sentiero scalinato a zig-zag che ci conduce al Rio di Fanes)  
Belvedere q.1476 (Appena prima della terrazza, scendiamo ripidamente a sinistra nello stretto canalone con sentiero scalinato a zig-zag che ci conduce al Rio di Fanes)  
Giunti sul fondo, tralasciamo una passerella che lo attraversa dove c’è la ferrata Lucio Delaiti e proseguiamo inoltrandoci nel canalone alla destra della cascata dove inizia, nel nostro caso, la ferrata Giovanni Barbara 
Giunti sul fondo, tralasciamo una passerella che lo attraversa dove c’è la ferrata Lucio Delaiti e proseguiamo inoltrandoci nel canalone alla destra della cascata dove inizia, nel nostro caso, la ferrata Giovanni Barbara 
Ferrata Giovanni Barbara 








Ferrata Giovanni Barbara 
Ferrata Giovanni Barbara 
Ferrata Giovanni Barbara 
Ferrata Giovanni Barbara (Si passa sotto la cascata) 
Targa della ferrata Giovanni Barbara
Forestale q.1467 (Termina la ferrata innestandoci sulla forestale con cartelli, noi la lasciamo subito e risaliamo a destra con il sentiero CAI 10 “Scorciatoia”)   

Risaliamo a destra con il sentiero CAI 10 “Scorciatoia”   
Nicchia con statuetta della Madonna
La forestale CAI 10 prima di arrivare al lago di Fanes
La forestale CAI 10 prima di arrivare al lago di Fanes
Lago di Fanes q.1834
Lago di Fanes q.1834

Lago di Fanes q.1834
 (Lo aggiriamo, poi si attraversa con ponticello)  
Pantane q.1836 (Radura erbosa e recinzione con cartelli)
Pantane q.1836 (Radura erbosa e recinzione con cartelli)
Bovini al pascolo
Sul CAI 10 dopo Pantane
Sul CAI 10 dopo Pantane

Sul CAI 10 prima di arrivare al Bivio q.2050
Incisioni in tedesco
Bivio q.2050 (Cartelli: dritto a sinistra prosegue la forestale per malga di Fanes Grande, noi teniamo il CAI 10 che va dritto a destra ora per sentiero in salita)  
Forestale q.2126 (Panorama dalla forestale: a sinistra la Croda del Vallon Bianco, a destra la Furcia Rossa III) 
Casermetta abbandonata al Bivio q.2150
Indicazioni per il lago di Limo

La forestale appena lasciata la casermetta oltrepassa un minuscolo stagno
Arrivo al lago di Limo
Lago di Limo q.2159 (Cartelli e deviazione: lasciamo la forestale e prendiamo il sentiero CAI 418 che aggira la riva sud del lago, poi inizia a salire ripidamente, indicazioni per il Col Bechei)
Lago di Limo q.2159 (Cartelli e deviazione: lasciamo la forestale e prendiamo il sentiero CAI 418 che aggira la riva sud del lago, poi inizia a salire ripidamente, indicazioni per il Col Bechei)
Il sentiero CAI 418 che dal lago di Limo risale al Col Bechei
Il sentiero CAI 418 che dal lago di Limo risale al Col Bechei

Fonte q.2378 (Tubo con acqua)
Il sentiero CAI 418 che dal lago di Limo risale al Col Bechei
Il sentiero CAI 418 che dal lago di Limo risale al Col Bechei
Il sentiero CAI 418 che dal lago di Limo risale al Col Bechei
Cavalli al pascolo
Sella q.2565

Sella q.2565 (Cartelli e bivio: lasciamo il CAI 418 e risaliamo a sinistra, nord/est, con tracciato segnato dal CAI che termina alla cima del Col Bechei, da qui vediamo la croce)   
Traccia che dalla Sella q.2565 risale alla vetta del Col Bechei
Traccia che dalla Sella q.2565 risale alla vetta del Col Bechei
Traccia che dalla Sella q.2565 risale alla vetta del Col Bechei
Arrivo in vetta
Col Bechei q.2794

Il crinale nord/est del Col Bechei visto dalla croce di vetta
Dalla Sella q.2565 riprendiamo il CAI 418, la segnatura diventa sporadica o assente, il sentiero prosegue a mezzacosta sotto il versante sud del Col Bechei, direzione est
Dalla Sella q.2565 riprendiamo il CAI 418, la segnatura diventa sporadica o assente, il sentiero prosegue a mezzacosta sotto il versante sud del Col Bechei, direzione est
Il CAI 418 arriva a un grandioso circolo detritico.
Il CAI 418 arriva a un grandioso circolo detritico.

Stambecco curioso
Tutti in posa per una foto di gruppo
Il solito asociale!
Oltrepassato il circolo detritico, si arriva sotto il punto quotato 2580 m sulle mappe, il CAI 418 inizia a scendere ripidamente nella vallata.
Oltrepassato il circolo detritico, si arriva sotto il punto quotato 2580 m sulle mappe, il CAI 418 inizia a scendere ripidamente nella vallata.

Sul CAI 418
Sul CAI 418
Guglie dolomitiche sopra di noi
Tratto intermedio tra i mughi del CAI 418
Ruoibes de Fora (Terminata la discesa, il CAI 418 comincia a percorrere in falsopiano la grande vallata detritica)
Ruoibes de Fora (Terminata la discesa, il CAI 418 comincia a percorrere in falsopiano la grande vallata detritica)

2 commenti:

  1. mi sembrano abbastanza distanti l'una dall'altra le staffe della ferrata, o sbaglio? Siccome mi hai dato una buona idea per quest'estate mi chiedevo se la mia compagna di escursioni che non raggiunge i 150 cm potrà avere qualche difficoltà su quel tratto di ferrata. Grazie delle risposta e ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che non abbiate mai fatto una ferrata per fare questa domanda,io non ti posso dire se tua moglie avrà delle difficoltà causa statura,questa deve essere una vostra valutazione, ti posso confermare però che la ferrata è molto facile e generalmente la fanno anche i bambini (ovviamente accompagnati dagli adulti).Ciao e buona montagna👋👋

      Elimina