mercoledì 26 settembre 2018

Cima Carega (dal Boale dei Fondi e ritorno dal Prà dei Angeli) EE

Siamo nel cuore delle piccole dolomiti venete, partiamo dal passo Campogrosso e risaliamo la valle del Boale dei Fondi che ci porta in quota, poi oltrepassiamo la Bocchetta dei Fondi e la Bocchetta Mosca con l'ascesa finale al rifugio Fraccaroli e la cima Carega. Torniamo sui nostri passi fino alla Bocchetta dei Fondi e proseguiamo per il monte Obante e la forcella del Fumante dove abbandoniamo il sentiero CAI e scendiamo la valle detritica del Prà degli Angeli.

DATA: 13 luglio 2018

PARTENZA: Da Recoaro Terme (Veneto) saliamo con la SP.99 al passo Campogrosso (circa 11,5 km) oltrepassando di 200 metri l’omonimo rifugio, sulla sinistra inizia segnalato da cartelli il CAI 157.




Carta scala 1:25000 foglio 1sud - Pasubio-Carega, sezioni vicentine del CAI

ITINERARIO: Partenza q.1453 (Oltrepassato il rifugio Campogrosso di 200 metri prendiamo il CAI 157 a sinistra, cartelli)   –   Bivio q.1455 (Dopo pochi minuti tralasciamo il sentiero a sinistra con cartello che indica “Anello Storico” e proseguiamo con il CAI 157)        Buse Scure q.1475 (Bivio e cartello: a sinistra il c’è il CAI 143/A, noi dritto per CAI 157 anche sentiero escursionistico 5)     Bivio q.1540 (Biforcazione e cartelli: prendiamo il CAI 157 dritto a destra con direzione ovest in falsopiano, a sinistra sale il CAI 195 per le guglie del Fumante)     Bivio q.1685 (Ora il cartello indica che il CAI 157 cambia direzione, sud, cominciando a risalire ripidamente la valle del Boale dei Fondi, dritto a mezzacosta con direzione nord/ovest inizia l’ex sentiero CAI 158 dismesso per il Vajo dei Colori, indicazioni assenti)   Bocchetta dei Fondi q.2040 (La ripida salita della vallata termina sulla cresta rocciosa della Bocchetta dei Fondi, incrocio e cartelli: a sinistra inizia il sentiero CAI 196 di cresta per il monte Obante, a destra appena sotto la cresta è Sentiero della Pace per la Bocchetta Mosca, poco evidente e privo di segnatura, noi scendiamo dalla parte opposta sul CAI 157 o sentiero E5, direzione sud-sud/ovest)   Bivio q.2018 (Abbiamo appena iniziato a scendere dalla Bocchetta dei Fondi, a sinistra una traccia non segnata si raccorda al sottostante e ben visibile largo CAI 109, anche noi lo dobbiamo raggiungere ma continuando sul sentiero E5 che vira a destra)     Bivio q.1982 (Cartelli al termine della discesa dalla Bocchetta dei Fondi: a sinistra è CAI 109 per il rifugio Scalorbi, noi andiamo a destra che è CAI 157 anche sentiero E5 per la Bocchetta Mosca su buon sentiero sassoso in falsopiano)      Bocchetta Mosca q.2029 (Incrocio e cartelli: a destra in salita a ritroso poco sopra la caverna proviene il Sentiero della Pace dalla Bocchetta dei Fondi, a destra scende il ripido e angusto canalone del Vajo dei Colori, a sinistra scende il CAI 192 per il rifugio Scalorbi, dritto a sinistra il largo CAI 157 conduce al rifugio Fraccaroli e alla cima Carega, noi stiamo dritto a destra in salita per traccia non segnata che taglia, poi in breve ci reinnestiamo sul CAI 157 che terremo fino al termine)    –   Rifugio Fraccaroli q.2230 (Il rifugio è alla nostra sinistra pochi metri sopra di noi come pure la cima del Carega alla nostra destra che risaliamo)      Cima Carega q.2259 (La cima è appena sopra il rifugio Fraccaroli e la raggiungiamo risalendo il pendio roccioso ma ben scalinato senza traccia obbligata, sulla vetta la croce, quindi torniamo sui nostri passi)     Rifugio Fraccaroli q.2230 (Ripercorriamo il CAI 157 fino alla Bocchetta Mosca)     Bocchetta Mosca q.2029 (Tornati alla Bocchetta Mosca, proseguiamo per la Bocchetta dei Fondi evitando di riprendere il CAI 157 già fatto all’andata, ma percorrendo il Sentiero della Pace che risale poco sopra la caverna, si sviluppa a mezzacosta parallelo tra la cresta e il CAI 157 circa 50 metri sotto di noi. Il sentierino non è segnato e ha alcuni tratti in leggera esposizione)    Cima Mosca q.2141 (Il Sentiero della Pace bypassa la cima)   Bocchetta dei Fondi q.2040 (Dalla Bocchetta tralasciamo il CAI 157 a sinistra per la valle del Boale dei Fondi dalla quale siamo risaliti e il CAI 157 o sentiero E5 a destra già disceso per andare alla Bocchetta Mosca, continuiamo sul sentiero di cresta con direzione est destinato in breve a virare verso sud, siamo sul CAI 196 per il monte Obante)      Croce q.2040 (Piccola croce di metallo degli Alpini di Cerro, il CAI 196 curva a gomito a sinistra e continua con direzione sud/est stando sotto la cresta)      Monte Obante q.2072 (Nessuna indicazione)    –   Bivio q.2035 (Innesto sul CAI 195, segni CAI ma cartelli assenti: a destra inizia a scendere nella prateria con direzione sud/ovest per il rifugio Scalorbi e il passo Pelegatta, noi lo teniamo a sinistra, est, che si sviluppa su cengia)      Forcella del Fumante q.1905 (Il CAI 195 con alcuni passaggi non banali, da prestare attenzione se fatti in discesa, ci conduce fino al punto basso dove sotto di noi alla nostra sinistra si apre la grande vallata detritica del Prà degli Angeli. Lasciamo il CAI 195 che ora comincia a salire verso la Cima Centrale, scendiamo per buona traccia non segnata e senza indicazioni nella vallata del Prà degli Angeli, direzione nord, si sviluppa sul lato sinistro del vallone al termine del quale possibili ometti e sporadici bolli rossi ci guidano nella ripida discesa finale percorrendo un divertente pendio ghiaioso che scendiamo in velocità)     CAI 157 q.1585 (La lingua ghiaiosa finale tra i mughi ci fa innestare d’obbligo sul CAI 157 già percorso in mattinata, a sinistra conduce al Boale dei Fondi, noi lo teniamo a destra)   –    Bivio q.1540 (Cartelli: a destra inizia il CAI 195 in salita per le guglie del Fumante, continuiamo sul CAI 157 già percorso in mattinata fino al passo Campogrosso)    Buse Scure q.1475      Bivio q.1455    Arrivo q.1453
 

DISLIVELLO TOTALE: 1200 m
QUOTA MASSIMA: Cima Carega q.2259
LUNGHEZZA: 12 km
DIFFICOLTA: EE

    
NOTE:



Sentieri



- Il comprensorio del monte Carega è molto frequentato, buona la segnatura CAI.
- Prestare attenzione al Sentiero della Pace che collega la Bocchetta dei Fondi alla Bocchetta Mosca, il tracciato non è segnato e qualche punto è leggermente esposto
- La discesa nella vallata detritica del Prà degli Angeli la facciamo su traccia ben visibile che si mantiene nel lato sinistro del vallone al termine del quale si scende ripidamente il pendio ghiaioso, possibile ometto e sporadici bolli, non ci sono difficoltà d’orientamento.
- Attenzione che il gruppo del Carega è spesso caratterizzato da fitte nebbie.



Rifugi-Bivacchi

- Rifugio Campogrosso nell’alpe di Campogrosso a 200 m dalla partenza, è generalmente aperto tutto l’anno ed è raggiungibile in auto solo salendo da Recoaro Terme

- Rifugio Fraccaroli: situato 30 metri sotto la vetta del Carega, il rifugio è molto frequentato ed è aperto da metà giugno a metà settembre


Fonti
- Assenti
 

TEMPI RILEVATI:
Tempo
      Totale
      (ore)
Partenza q.1453
0,00
Bivio q.1455
0,02
Buse Scure
0,12
Bivio q.1540
0,27
Bivio q.1685
0,55
Bocchetta dei Fondi
1,40
Bivio q.2018
1,42
Bivio q.1982
1,45
Bocchetta Mosca
1,57
Rifugio Fraccaroli
2,25
Cima Carega
2,30
Rifugio Fraccaroli
2,35
Bocchetta Mosca
3,00
Cima Mosca
/
Bocchetta dei Fondi
3,20
Croce q.2040
3,27
Monte Obante
/
Bivio q.2035
3,36
Forcella del Fumante
3,58
CAI 157 q.1585
4,25
Bivio q.1540
4,34
Buse Scure
/
Bivio q.1455
/
Arrivo q.1453
5,00




Il rifugio Campogrosso
Partenza q.1453 (Oltrepassato il rifugio Campogrosso di 200 metri prendiamo il CAI 157 a sinistra, cartelli)
Partenza q.1453 (Oltrepassato il rifugio Campogrosso di 200 metri prendiamo il CAI 157 a sinistra, cartelli)
CAI 157
CAI 157
Bivio q.1540 (Biforcazione e cartelli: prendiamo il CAI 157 dritto a destra con direzione ovest in falsopiano, a sinistra sale il CAI 195 per le guglie del Fumante)

Sul CAI 157 verso il Boale dei Fondi
Sul CAI 157 verso il Boale dei Fondi
Risaliamo la valle del Boale dei Fondi
Risaliamo la valle del Boale dei Fondi
Risaliamo la valle del Boale dei Fondi

La ripida salita della vallata termina sulla cresta rocciosa della Bocchetta dei Fondi
Bocchetta dei Fondi q.2040 (Incrocio e cartelli: a sinistra inizia il sentiero CAI 196 di cresta per il monte Obante, a destra appena sotto la cresta è Sentiero della Pace per la Bocchetta Mosca, poco evidente e privo di segnatura, noi scendiamo dalla parte opposta sul CAI 157 o sentiero E5, direzione sud-sud/ovest)
Panorama sulla cresta dove si sviluppa il CAI 196 che dalla Bocchetta dei Fondi conduce al monte Obante
Arrivo al Bivio q.1982
Bivio q.1982 (Cartelli al termine della discesa dalla Bocchetta dei Fondi: a sinistra è CAI 109 per il rifugio Scalorbi, noi andiamo a destra che è CAI 157 anche sentiero E5 per la Bocchetta Mosca su buon sentiero sassoso in falsopiano)

Sul CAI 157 che dalla Boccetta dei Fondi conduce alla Bocchetta Mosca
Arrivo alla Bocchetta Mosca
Il Vajo dei Colori visto dalla Bocchetta Mosca

Bocchetta Mosca q.2029
Dalla Bocchetta Mosca noi stiamo dritto a destra in salita per traccia non segnata che taglia
Panorama sulla cima Mosca
Sul CAI 157 che dalla Bocchetta Mosca risale al rifugio Fraccaroli
Sul CAI 157 che dalla Bocchetta Mosca risale al rifugio Fraccaroli

Scultura sul CAI 157
Sul CAI 157 che dalla Bocchetta Mosca risale al rifugio Fraccaroli
Sul CAI 157 che dalla Bocchetta Mosca risale al rifugio Fraccaroli
In vista del rifugio Fraccaroli
Cima Carega q.2259 (La cima è appena sopra il rifugio Fraccaroli)

Cima Carega vista dal rifugio Fraccaroli
Panorama dal rifugio Fraccaroli a nord/ovest verso cima Posta
A sud/est il Vallon della Teleferica sotto il rifugio Fraccaroli
Bocchetta Mosca q.2029 (Tornati alla Bocchetta Mosca, proseguiamo per la Bocchetta dei Fondi evitando di riprendere il CAI 157 già fatto all’andata, ma percorrendo il Sentiero della Pace che risale poco sopra la caverna)

Il Sentiero della Pace si sviluppa a mezzacosta parallelo tra la cresta e il CAI 157 circa 50 metri sotto di noi, non è segnato e ha alcuni tratti in leggera esposizione
Il Sentiero della Pace si sviluppa a mezzacosta parallelo tra la cresta e il CAI 157 circa 50 metri sotto di noi, non è segnato e ha alcuni tratti in leggera esposizione
Caverne della grande guerra lungo il Sentiero della Pace
Il Sentiero della Pace
Ritornati alla Bocchetta dei Fondi, tralasciamo il CAI 157 a sinistra per la valle del Boale dei Fondi dalla quale siamo risaliti e il CAI 157 o sentiero E5 a destra già disceso per andare alla Bocchetta Mosca, continuiamo sul sentiero di cresta con direzione est, siamo sul CAI 196 per il monte Obante  

Sul CAI 196 per il monte Obante
Croce q.2040 (Piccola croce di metallo degli Alpini di Cerro)
Oltrepassata la Croce q.2040, il CAI 196 curva a gomito a sinistra e continua con direzione sud/est stando sotto la cresta  
Sul CAI 196 per il monte Obante
Sul CAI 196 per il monte Obante
Sul CAI 196 per il monte Obante

Arrivati al Bivio q.2035 ci innestiamo sul CAI 195 e lo teniamo a sinistra, est, che si sviluppa su cengia  
Arrivati alla Forcella del Fumante q.1905, lasciamo il CAI 195 che ora comincia a salire verso la Cima Centrale, scendiamo per buona traccia non segnata e senza indicazioni nella vallata del Prà degli Angeli, direzione nord, si sviluppa sul lato sinistro del vallone
Scendiamo per buona traccia non segnata e senza indicazioni nella vallata del Prà degli Angeli, direzione nord, si sviluppa sul lato sinistro del vallone
Scendiamo per buona traccia non segnata e senza indicazioni nella vallata del Prà degli Angeli, direzione nord, si sviluppa sul lato sinistro del vallone

Scendiamo per buona traccia non segnata e senza indicazioni nella vallata del Prà degli Angeli, direzione nord, si sviluppa sul lato sinistro del vallone
Al termine del vallone possibili ometti e sporadici bolli rossi ci guidano nella ripida discesa finale percorrendo un divertente pendio ghiaioso che scendiamo in velocità
Al termine del vallone possibili ometti e sporadici bolli rossi ci guidano nella ripida discesa finale percorrendo un divertente pendio ghiaioso che scendiamo in velocità
CAI 157 q.1585 (La lingua ghiaiosa finale tra i mughi ci fa innestare d’obbligo sul CAI 157 già percorso in mattinata)







Nessun commento:

Posta un commento